Area Marina: «Silenzio, Bruno!» - VanityFair.it

«La cultura ci permette di capire che ciò che non conosciamo non ci deve necessariamente spaventare»

24/06/2021 00.00.00

«La cultura ci permette di capire che ciò che non conosciamo non ci deve necessariamente spaventare» MarinaCuollo

«La cultura ci permette di capire che ciò che non conosciamo non ci deve necessariamente spaventare»

insieme ai fazzoletti ci siamo portati dietro una buona dose di orgoglio. Sì, perché Luca è ambientato in Italia, e precisamente nelle Cinque Terre.Mentre giornali e web discutono su quanto sia ben rappresentata l’Italia, o da cosa abbia tratto ispirazione il regista Enrico Casarosa, io preferisco soffermarmi sulla narrazione che parla

L’ultima balla sul Fatto: “Tifate contro gli italiani in gara a Tokyo” - Il Fatto Quotidiano È l’estate italiana: 29 medaglie ai Giochi. Superate Londra e Rio Tokyo2020, Oro per la Vela. Ciclismo inseguimento a squadre uomini: è record mondiale italiano

di crescita e di amicizia, ma anche e soprattutto di pregiudizio. Se dovessi riassumere il film in una sola frase, quella che sceglierei sarebbe senza dubbio“silenzio, Bruno!”. Queste sono le parole che Luca dice ogni volta che la voce nella sua testa (soprannominata appunto Bruno) cerca di scoraggiarlo.

Ambientato in Liguria negli anni Cinquanta, Luca è la storia di una creatura marina che fuori dall’acqua assume sembianze umane, e checon l’aiuto dei suoi amici impara a superare le sue paure.Il nostro protagonista vive negli abissi insieme alla sua famiglia, sua madre lo ha sempre preparato ai pericoli presenti fuori dall’acqua come solo una madre apprensiva sa fare, una madre consapevole che il pregiudizio può portare a terribili conseguenze. Ma Luca headtopics.com

sente forte il desiderio di libertà e di esplorare il mondo, così insieme al suo amico Alberto decide di andare nella “città dei terreni”. Qui Luca incontra Giulia, una ragazzina che lo aiuterà a comprendere che quello che rende le persone davvero libere è la cultura.

La cultura ci permette di capire che ciò che non conosciamo non ci deve necessariamente spaventare.Eppure nonostante Luca sia un film che ci spinge a non avere paura, sembra che questa sia ancora molto presente quando cerchiamo di raccontare nuove storie. Come ha detto Francesca Vecchioni, fondatrice e presidente di Diversity,

la maggior parte dei prodotti più inclusivi sono diretti a un pubblico giovane, mentre produzioni di questo tipo dedicate a un pubblico adulto sono molto meno.Esiste una grande resistenza ad aprirsi a nuove rappresentazioni, o anche semplicemente osare andando fuori dai paradigmi già testati.

È importante interrogarsisu tutto questo perché la visione delle storie sul piccolo e grande schermo ha da sempre un grande impatto sulla nostra vita. E poiché la maggior parte di quello che ci viene raccontato passa sempre attraverso la stesse lenti, una grandissima fetta di mondo rischia di non arrivare a noi. headtopics.com

Scuola, l'inerzia di Bianchi sulla ripartenza. Incognita vaccini, distanziamento, trasporti. E nessun coordinamento sugli spazi aggiuntivi - Il Fatto Quotidiano LIVE: i risultati di oggi ai Giochi olimpici di Tokyo Malagò sulle accuse di doping a Jacobs della stampa estera: «Dispiace che qualcuno dimostri di non saper accettare la sconfitta»

Sappiamo bene quanto l’industria audiovisiva investa pochissimo in nuove narrazioni, e lo vediamo non solo dalla difficoltà a pensare certe tematiche per un pubblico adulto, ma anche dalla prematura cancellazione di quei pochi prodotti che riescono a sfondare il soffitto di cristallo.

Come donna disabile posso contare sulle dita di una mano i prodotti audiovisivi in cui mi sono sentita rappresentata, e questo per darvi la percezione di quanto siano rari. Ciò che guardiamo sullo schermo ci influenza da sempre, e se non riusciamo a vederci avremo sempre la sensazione di essere invisibili, così come le persone intorno a noi avranno sempre una visione parziale e stereotipata delle nostre vite.

L’accoglienza positiva che però ricevono quei prodotti scritti, diretti e interpretati da persone marginalizzate mi fa pensare che tutta questa riluttanza non ha ragione di esistere.A questo punto, miei cari produttori e broadcaster, penso sia arrivato il momento di cominciare a vincere certe resistenze, i tempi sono maturi e il pubblico è desideroso di immergersi in nuove storie.

E se poi arriva una vocina a dirvi di non rischiare, opporsi è facile. Basta dire: “silenzio, Bruno!” Leggi di più: Vanity Fair Italia »

G8 di Genova, i tre giorni di caos che sconvolsero il mondo. VIDEO

Leggi su Sky TG24 l'articolo G8 di Genova, i tre giorni di caos che sconvolsero il mondo. VIDEO

Com’è cresciuta la ricchezza globale dei «super ricchi» durante la pandemiaSecondo Credit Suisse nel 2020 più dell’1% degli adulti a livello globale è milionario; in Italia la ricchezza per adulto è pari a 240mila dollari

Laura Boldrini racconta la solitudine della malattia: «Ho trovato la forza in me stessa» - VanityFair.it«Si chiama condrosarcoma, è un tumore raro che aggredisce le ossa». L’ex presidente della Camera racconta la sua malattia e la sua ripresa: «A volte perdo la pazienza: è un percorso lungo e io vorrei sbrigarmi» forza lauraboldrini 💪 🍀❤️

La Spagna domina la Slovacchia con 5 gol e passa agli ottaviMorata sbaglia un rigore poi autogol di Dubravka e raddoppio di Laporte. Nella ripresa Sarabia, Ferran Torres e un altro autogol, stavolta di Kucka Sarà stato difficile per loro.

Mika: «L'empatia, la vera porta verso la tolleranza» - VanityFair.itIl cantautore libanese, che il 24 giugno, insieme a «Indeed», sarà protagonista di un concerto speciale su Youtube, ci racconta la sua playlist dell'empatia, «la chiave per aprire mente e cuore». E l'ultima volta che si è sentito davvero libero mikasounds mikasounds ❤️💚🧡🌈👏 mikasounds I love and agree with every single thing Mika says in this interview. ❤️❤️❤️ And you're actually killing me by using this photo as a header, all those new photos are awesome but this one just knocks me off my feet. 🥰😍 mikasounds Anyway just a tiny detail, in your article it says the gig starts at 21:00 but it's 20:00 Italian time! ;)

Da un medico “La pessima gestione dei vaccini va contro la deontologia” - Il Fatto QuotidianoGentile redazione, sono un medico e sono profondamente turbato per l’intollerabile conduzione di un atto medico come la vaccinazione, affidato da una parte alla logistica militare di un Generale pluridecorato e dall’altra al “buon senso” di un presidente del Consiglio dei ministri, che si arroga il diritto, intollerabile deontologicamente, di consigliare le modalità di tale … Il giuramento di Ippocrate dove l ha messo? Non si vaccina. ..a casa...faccia un altro lavoro Draghi l'ha fatta fuori dal vaso. magdulka64 ale_dibattista

La Consulta boccia la proroga dello stop ai pignoramenti sulla prima casa