Anna Wintour fa lezione in Bocconi - VanityFair.it

La Chief Content Officer Condé Nast e Global Editorial Director of Vogue, ospite nell’aula magna della Bocconi di Milano, per una lezione sull’editoria

23/09/2021 18.01.00

La Chief Content Officer Condé Nast e Global Editorial Director of Vogue, ospite nell’aula magna della Bocconi di Milano, per una lezione sull’editoria

La Chief Content Officer Condé Nast e Global Editorial Director of Vogue, ospite nell’aula magna della Bocconi di Milano, assieme Edward Enninful, Editor in chief British Vogue e European Editorial Director Vogue, Simone Marchetti, direttore di Vanity Fair Italy e European Editorial Director Vanity Fair, e Francesca Ragazzi, Head of Editorial Content di Vogue Italia, per una lezione sull’editoria

Veronica BianchiniIl colpo di scena arriva alla fine.Quando Anna Wintour, Chief Content Officer Condé Nast e Global Editorial Director of Vogue, ospite nell’aula magna della Bocconi di Milano, assieme Edward Enninful, Editor in chief British Vogue e European Editorial Director Vogue, Simone Marchetti, direttore di Vanity Fair Italy e European Editorial Director Vanity Fair, e Francesca Ragazzi, Head of Editorial Content di Vogue Italia, per una lezione sull’editoria, scende tra gli studenti.

Green Pass, scaricati oltre 100 milioni di certificati: accelerazione negli ultimi 3 giorni Berlusconi: 'Il Green pass è uno strumento di tutela della vita e della libertà, irresponsabile fomentare divisioni' Oltre 100 milioni di green pass scaricati. Sprint in vista dell’obbligo

L’incontro ufficialmente è già finito.Qualcuno comincia ad andarsene.Ma lei, che ha appena spiegato come nella vita sia importante «non avere paura e prendere dei rischi», torna indietro, scende dal palco e si fa circondare da una marea confusa ed entusiasta di bocconiani.

E risponde così, a braccio, alle loro mille curiosità, mentre i ragazzi girano video e scattano foto freneticamente con i loro smartphone. Gli studenti si fanno largo a forza, vogliono vederla da vicino, ascoltare la sua voce, la voce di una donna che è diventata leggenda, e capire da lei quale sarà il futuro dell’editoria, del fashion: il loro futuro. headtopics.com

«Grazie a tutti per avermi invitato oggi.È meraviglioso essere qui di persona dopo quasi due anni trascorsi su Zoom».Era stata sempre lei, Anna Wintour, ad aprire l’incontro con un discorso toccante e ispirato.«La pandemia», ha spiegato, «ha cambiato tanti aspetti della nostra vita, le nostre abitudini, le nostre routine, i nostri modi di lavorare. Abbiamo dovuto ripensare a tutto ciò che una volta davamo per scontato

, ed è diventato chiaro che la velocità frenetica a cui molti di noi erano abituati semplicemente non è salutare. Rallentare è una cosa necessaria. Abbiamo tutti bisogno di creare connessioni più significative nelle nostre vite professionali, personali e creative. E dobbiamo pensare a cosa potremmo cambiare mentre torniamo si spera, a una parvenza di normalità».

Un intervento nel quale ha spaziato dal futuro della nostra società, al ruolo di Condé Nast e alla necessità del cambiamento, dai suoi mentori, all’importanza dei nuovi mezzi e di un’informazione che diventa sempre più globale.«In Condé Nast», ha detto, «vogliamo creare comunità non solo con i nostri colleghi ma anche con il nostro pubblico, ed è qui che entrano in gioco le grandi storie, il giornalismo e la creazione di immagini

. Il miglior lavoro creativo, un lavoro stimolante, innovativo e sorprendente, crea un senso di connessione: un legame. Il pubblico vuole essere colpito ed emozionato da ciò che legge e vede e quando lo è, si sente coinvolto e torna per saperne di più. Il pubblico è globale. Vuole storie che parlino delle vite che sta vivendo ma anche racconti che catturino l’ampiezza del mondo. headtopics.com

Socialisti, Verdi, Liberali: quale sarà il programma del prossimo governo tedesco? Zerocalcare: 'L'Italia è una Repubblica fondata sulla memoria a compartimenti stagni: ognuno si ricorda quello che vuole' Johnny Depp «intrappolato» dai fan in hotel, arriva in ritardo alla Festa del Cinema

Quello che conta è raccontare una storia.Sulla cover del magazine o su Internet, quello che conta è la storia e il modo in cui racconti. Devi essere, incisivo, diretto e chiaro.Nulla è più irritante per noi ma anche per il pubblico che guardare un video, una foto o leggere un pezzo e non capire cosa si sta cercando di dire

».Questa fase, spiega ancora Anna Wintour, è solo l’inizio di una rivoluzione basata sui grandi valori della Condé Nast: diversity, inclusivity, comunity, creativity respect e quello che fa la diversità è la qualità. «Questo è solo il punto di partenza, ed è tutto estremamente eccitante. Sono in questo business da molto tempo e vengo da una famiglia di giornalisti. Mio padre era l’editore dell’Evening Standard e ricordo quando lasciò la famiglia durante una vacanza a Venezia per inseguire una sua storia. Oggi quel mondo del giornalismo conta ancora, ma è diventato molto più grande. E le opportunità sono molto più entusiasmanti».

Dello stesso parere Edward Enninful. «In passato avevamo solo un modo di comunicare, essenzialmente il magazine, adesso ci sono così tante piattaforme: il sito, i social, i video, l’audio.Oggi il mondo è così diverso e i nostri contenuti vengono amplificati e devono adattarsi alle diverse piattaforme. Non solo, noi siamo in un nuovo mondo. Dobbiamo guardare le cose in modo differente. Dobbiamo dare spazio a persone di età diversa, di taglie diverse.

Quello che ci hanno insegnato il movimento Back Live Matters e il Me Too è che deve avvenire un vero cambiamento.Bisogna assumere persone nere, bisogna che lavorino dietro le quinte, servono borse di studio. È facile metterle negli show o nelle pubblicità ma noi abbiamo bisogno le persone dietro le quinte. Una moltitudine di voci può spiegare meglio il mondo di una singola visione. Anche sul lavoro, ogni giorno è uno scambio continuo: insegno ai miei colleghi, al mio team, ma anche imparo moltissimo da loro». headtopics.com

Condivide le sue parole Francesca Ragazzi, fresca Head of Editorial Content diVogue Italia,che spiega quanto sia entusiasmante lavorare con dei team internazionali e come sia importante«realizzare dei contenuti veri e pieni di senso. Se tu non senti questa verità il racconto perde di significato e di potenza».

Simone Marchetti ricorda anche come la Condé Nast sia da sempre un luogo di pionieri. «Io penso che oggi più di sempre bisogna essere dei pionieri.Quando è arrivata la pandemia una cosa è stata chiara: quando le cose vanno peggio, l’unico modo per farle andare meglio è sognare più in grande. Ed è quello che abbiamo fatto l’anno scorso con Vanity Fair: non possiamo mettere delle star del cinema in cover? Chiediamo a un regista vincitore di un premio Oscar di dirigere il magazine. Non possiamo mettere un musicista perché non si fa musica? Chiediamo a un artista straordinario di rappresentare quello che stiamo vivendo.

I Green pass scaricati hanno superato quota 100 milioni “Ora salario universale e meno ore di lavoro” - Il Fatto Quotidiano Dal taglio del reddito di cittadinanza 1 miliardo per lavoro o fisco

E così è nata la nostra bandiera strappata. Questo è il nostro compito oggi: essere pionieri».Essere pionieri, senza paura dei cambiamenti. Senza paura degli errori. Perché come ci insegna, ancora una volta, Anna Wintour:«Tutti facciamo degli sbagli, perché la vita non è perfetta, ma a volte si impara di più dagli sbagli che dai successi».

Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Green pass, a Roma 12 arresti: anche vertici di Forza Nuova

Leggi su Sky TG24 l'articolo Green pass, a Roma 12 arresti: anche vertici di Forza Nuova

Nel primo teaser del nuovo «Sex and the City» Carrie abbraccia Mr. Big - VanityFair.itEcco il primo teaser di «And Just Like That», lo spin-off di «Sex and the City» che arriverà in America prossimamente su HBO Max

Levi's: nei panni, anzi, nelle scarpe altrui - VanityFair.itDal 21 al 28 settembre, in Piazza XXV Aprile a Milano, sorgerà una gigantesca scatola di scarpe. L'opera, realizzata dall'artista Clare Patey e il filosofo britannico Roman Krznaric, è un invito concreto a calarsi nei panni altrui, anzi nelle scarpe altrui. E abbattere discriminazioni e barriere a colpi di empatia

La trilogia di Fumettibrutti diventa una serie tv - VanityFair.itDopo il grande successo editoriale, le 3 graphic novels firmate da Fumettibrutti diventano una serie tv coprodotta da Bim Produzione e Feltrinelli Originals e diretta da Laura Luchetti

Alzheimer: i nuovi scenari nella lotta alla malattia - VanityFair.itOggi, 21 settembre, Giornata Mondiale dell'Alzheimer, l'associazione Airalzh Onlus (Associazione Italiana Ricerca Alzheimer) accende i riflettori su questa malattia neurodegenerativa, sottolineando l'importanza della diagnosi precoce. Abbiamo fatto il punto con gli esperti

Gwyneth Paltrow svela perché Brad Pitt copiava gli hair look delle sue fidanzate - VanityFair.itGwyneth Paltrow, genio del marketing, per promuovere il lancio di un suo prodotto capelli racconta di quando lei e Brad Pitt condividevano lo stesso hair style...

Cristina Chiabotto e Marco Roscio, due anni di matrimonio - VanityFair.itL'ex Miss Italia, che a maggio ha dato alla luce la sua prima bambina, Luce Maria, ha voluto celebrare via Instagram il secondo anniversario di nozze con il manager piemontese. Una foto e poche parole: «Noi»