Benessere

Amanti del decluttering o legati agli oggetti del cuore: che rapporto avete con l'ordine in casa? - VanityFair.it

Che rapporto avete con l'ordine in casa? #Benessere

07/04/2021 15.30.00
Benessere

Che rapporto avete con l'ordine in casa? Benessere

Siamo incuriositi dai nuovi trend, come il decluttering, ma ci sono alcuni oggetti da cui proprio non ci separeremmo. Ecco come viviamo l'ordine in casa e cosa possiamo fare per riorganizzare gli spazi

La ricerca restituisce una fotografia di come interpretiamo ildeclutteringorganizzazione degli ambientidomestici, considerati sinonimo di benessere personale, ma di alcuni oggetti proprio non riusciamo a liberarci.Il 71% pensa che le case in ordine e minimal trasmettano benessere, al 70% piace eliminare qualcosa di vecchio per far posto al nuovo e il 66% pensa che liberarsi delle cose inutili significhi prendersi cura di sé.

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno

Neanche a dirlo, sono i giovanissimi dellai più attenti ai nuovi trend.Più degli altri sanno cosa significadeclutteringmetodo KonMari, e quindi che“per vivere una vita più felice bisogna liberarsi di tutti gli oggetti che non ci danno più gioia”

(81%). Meno concordi i Baby Boomers (38%).Dando uno sguardo più attento alle nostre case, risulta che il 70% di queste èe il 52% ha poche cose in giro. Ci riveliamo perciò amanti deglispazi minimal.Meno oggetti ci sono in una casa, meglio è (59%) e, nei momenti di crisi o di stress, liberarsi di alcune cose ci fa stare bene (58%). headtopics.com

A preferire spazi ordinati con poche cose sui ripiani sono soprattutto iMillennials (41%).In fondo, però, siamo anche unpopolo di “formichine”che tende a conservare gli oggetti per motivi sentimentali (62%) o per motivi di utilità (56%), come raccontano i

4 profili emersi da questa ricerca.In maggioranza siamoaccumulatori previdenti (45%),ossia tendiamo a tenere in casa tanti oggetti senza riuscire a disfarcene, non tanto per le emozioni che ci suscitano, ma per utilità.Mai ci sogneremmo di buttarli proprio perché potrebbero servirci in futuro (90%). Così, nelle nostre case c’è spesso un’abbondanza di vecchi documenti,

, prodotti di cancelleria, sacchetti dei negozi, attrezzi da cucina.Gli zen del riordinoSecondi classificati glizen del riordino (25%),ossia coloro che provano spesso l’impulso di liberare la propria casa da ciò che è diventato inutile, soprattutto quando sentono di aver bisogno di sentirsi meglio (53%).

Il loro motto di vita è“fare ordine in casa significa fare ordine nella propria vita”e, durante il lockdown, sono soprattutto loro ad averne approfittato perliberarsi del superfluo (55%).Sebbene tendano a buttare tutto, gli zen del riordino – il 31% dei Millennials intervistati – sentono che la casa è ancora piena di cose inutili o superflue. headtopics.com

Il Fatto di Domani del 21 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Per Germania-Ungheria l'Allianz potrebbe tingersi di arcobaleno Stop alle mascherine all’aperto, attesa oggi la decisione del Cts

Questo perchénon riescono a trovare loro la giusta collocazione.Credono fermamente che liberarsi dell’inutile sia liberatorio e terapeutico soprattutto nei momenti di crisi o stress.I collezionisti nostalgiciIn terza posizione troviamoi collezionisti nostalgici (20%)

, che conservano tutto ciò che fa loro battere il cuore e rievoca ricordi. Per questo accumulano libri, abbigliamento, lavoretti degli figli fatti da bimbi, vestiti dei figli e anche delle persone care defunte.Anche ai collezionisti nostalgici capita d’avere necessità di liberare casa e, quando lo fanno, costa loro fatica, perché sono affezionati agli oggetti.

Scegliere cosa buttare e cosa tenere mette loro ansia e per lo più fanno ordine senza buttare niente (22%). Spessosi limitano a spostare le cose in altri punti della casa, e sono soprattutto possiedono una “scatola dei ricordi”.IIn ultima posizione troviamo infine i

minimalisti seriali (10%) cheun armadio traboccante di vestitie a scaffali pieni di cose che non usano da tempo, reagiscono liberandosi di tutto ciò che non serve più.In pieno stile Marie Kondo, credono fermamente che nei momenti di crisi liberarsi di alcune cose faccia bene (71%) e pensano che sia meglio eliminare qualcosa di vecchio per far posto al nuovo (84%). headtopics.com

Anche per questo, nelle loro case non c’è niente di inutile. Ambienti minimal, ordinati, con poche cose sui ripiani o appese alle pareti. Curioso sapere che i minimalisti seriali hanno sentito parlare di decluttering (29%), ma non sanno esattamente in cosa consiste.

Voi a che categoria pensate di appartenere? Qualunque essa sia, questo può comunque essereun buon momento per riorganizzare casao, perlomeno, fare un po’ d’ordine.Nella gallery qui sopra i preziosi consigli della guru Maria Kundo per iniziare con il piede giusto.

Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza Denise Pipitone, Piera Maggio diffida Quarto Grado: 'Frasi offensive nei miei confronti affermate con veemenza inopportuna, senza contegno' - Il Fatto Quotidiano Covid, le raccomandazioni dei pediatri: “Vaccinare i ragazzi” Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Il lavoro dei sogni per gli amanti dei videogiochi: fare il «game tester» - VanityFair.itDurante le ore di lavoro si dovranno provare nuovi videogiochi, segnalare i bug riscontrati e fornire feedback utili Una volta era il ginecologo

Vanity Fair Green: il programma completo - VanityFair.itTanti gli ospiti che interverranno sul palco virtuale di «Vanity Fair Green – From challenge to change», l’evento digitale di Vanity Fair, in calendario il 15 aprile e aperto a tutti, dedicato alla sostenibilità. Ecco il calendario completo

«United for Progress», il nuovo evento digitale di Vanity Fair e Audi - VanityFair.itIn programma il 21 aprile alle ore 18:00, l'evento è dedicato all'innovazione e al progresso, e a chi condivide valori di autentica avanguardia per ispirare una nuova rinascita. Tanti gli ospiti che intervengono

«Ora di Punta», arriva su Instagram la nuova rubrica di Vanity Fair - VanityFair.itUn appuntamento quotidiano, per discutere con giornalisti della redazione e ospiti sempre diversi i temi caldi di attualità, cultura e spettacolo. Il nuovo spazio social di Vanity Fair vuole essere un'occasione di confronto e crescita, declinata via social

«Il potere dell’alleanza»: il nuovo Vanity Stage dedicato alla sensibilizzazione contro il tumore ovarico - VanityFair.itInformazione, ricerca e condivisione sono le armi per combattere una delle neoplasie femminili più aggressive. L’incontro virtuale è in programma stasera alle ore 18:30, sulla piattaforma dedicata e sui canali social di Vanity Fair Italia