Altrimenti ci arrabbiamo - VanityFair.it

Basta soprusi, le donne non vogliono più essere trattate come prede. D’ora in poi attenti, dice la candidata all’Oscar Carey Mulligan: «Se toccate qualcuna di noi, possiamo diventare davvero cattive»

24/04/2021 00.59.00

Basta soprusi, le donne non vogliono più essere trattate come prede. D’ora in poi attenti, dice la candidata all’Oscar Carey Mulligan: «Se toccate qualcuna di noi, possiamo diventare davvero cattive»

Basta soprusi, le donne non vogliono più essere trattate come prede. D’ora in poi attenti, dice la candidata all’Oscar Carey Mulligan: «Se toccate qualcuna di noi, possiamo diventare davvero cattive»

Alessandra De TommasiQuesto articolo è pubblicato sul numero 17 di Vanity Fair in edicola fino al 27 aprile 2021«Un giorno, molto tempo fa, mi trovavo a fare shopping con un’amica. A un tratto, un ragazzo le ha alzato la gonna. Così, davanti a tutti, nel negozio, e se n’è andato via tranquillamente sulla scala mobile. Ero sconcertata, ma non l’ho seguito né mi sono rivolta alla sicurezza del negozio. Niente di niente, sono rimasta lì, ferma, perché in un certo senso è come se fossimo tutti assuefatti a immagini simili.

G7, Draghi: 'Cina è autocrazia che non aderisce alle regole multilaterali, non condivide la stessa visione del mondo delle democrazie' - Il Fatto Quotidiano Variante Delta, la mutazione del coronavirus preoccupa l'Europa. Ecco cosa succede La moglie di Johnson al G7 con abiti noleggiati

D’altronde, al cinema e in tv non ci mostrano studenti delle confraternite che portano alle feste le ragazze per farle ubriacare? Di solito è la parte divertente della storia e ci ridiamo tutti su, in una sorta di complicità silenziosa verso l’abuso».

Carey Mulliganalza le spalle e scuote la testa, come se fosse ancora incredula davanti a quel ricordo, durante il collegamento Zoom davanti alla libreria di casa (una fattoria immersa nel verde del Devon, in Cornovaglia). E nella felpa bianca a righe e senza un filo di trucco, sembra così minuta e ancora più giovane dei suoi 35 anni. headtopics.com

Sta raccontandoUna donna promettente, il progetto più personale della sua carriera (tra pochi giorni le potrebbe far conquistare l’Oscar nella categoria miglior attrice protagonista). Il film, in lizza per cinque statuette e prossimamente nelle sale italiane, è prodotto da Margot Robbie e scritto e diretto da «un’esordiente» d’eccezione, Emerald Fennell (che nella serie

The Crowninterpreta Camilla Parker-Bowles). È la storia di Cassie, un’ex studentessa prodigio di Medicina che lascia gli studi dopo un trauma, a cui cerca di rimediare dando la caccia ai predatori sessuali fingendosi spesso sbronza, fatta o arrendevole prima di dar loro una lezione.

«Attenzione, però», mette in guardia l’attrice, «lei non è mossa da vendetta, ma da amore e lealtà: ha un senso estremo dell’amicizia e si mette in pericolo di proposito, dopo aver allontanato tutti da sé in un processo autodistruttivo totale. Io non sono così, tendo a evitare i conflitti e non vado mai a letto arrabbiata senza chiarire un litigio. E, per dirla tutta, non mi sento neppure tanto spavalda. Come donne tendiamo a venire a patti con i soprusi subiti in prima persona, ma se coinvolgono i nostri figli, le sorelle o le amiche passiamo all’attacco e diventiamo davvero feroci per difendere chi amiamo». In parte è carattere – spiega – ma molto dipende dall’educazione ricevuta: «Da bambine ci raccontano che siamo fisicamente vulnerabili, e infatti non mi risulta che un uomo si metta a correre se si trova in un vicolo buio di notte, come invece facevo io. Vivevo in un quartiere tranquillissimo di Londra, eppure milioni di volte mi sono trovata a mettere in pratica stratagemmi che mi facessero sentire più sicura, come fingere di essere al telefono per evitare attenzioni indesiderate».

Le ha imparate da piccola e le insegnerà anche a sua figlia Evelyn Grace (cinque anni e mezzo), mentre per Winfred (quattro anni) sa già che è tutto diverso: «Il mondo è un luogo più pericoloso per una donna e questo è un dato di fatto headtopics.com

Vaccino Covid, Draghi: 'Anche l'azienda Moderna pronta a produrre in Italia' - Il Fatto Quotidiano Svezia, Larsson: 'Quanto successo a Eriksen ci ricorda che calcio non è la cosa più importante del mondo' Cane con una zampa paralizzata sopravvive a una vita di stenti in mezzo all’indifferenza più totale

. Come madre, il mio dovere è fornire contesto e informazioni, per instillare un senso di sicurezza e fiducia in se stessi, anche se so che non posso impedire che vengano feriti».Nel frattempo, come tutti i genitori, è alle prese con la didattica a distanza: «Sono a casa e mi sto ingegnando a tenerli occupati, mentre cresce il mio rispetto nei confronti degli insegnanti. Dopo una sola settimana senza scuola ero già esausta. Non mi lamento, sia chiaro, perché vivo fuori città e posso godere della libertà della natura, ma loro sono troppo piccoli per capire che cosa sta succedendo nel mondo. E intanto il tempo vola, così invece di pensare che ho messo in stand-by un anno della vita, mi godo la loro infanzia più che posso».

Riesce a ritagliarsi del tempo per sé? «Il massimo che abbia fatto in questo periodo, e già mi sembra tanto, visto che me lo consigliano tutti da vent’anni, è stato iniziare a praticare yoga, attività che ora amo ma per cui sono davvero negata, almeno quanto il ballo. Nel film, infatti, la scena più traumatica non riguarda le violenze, ma la danza. Ovviamente io amo la musica e a casa mia non si fa che ascoltarla ogni santo giorno (è sposata con Marcus Mumford, cantante dei

Mumford & Sons, ndr), ma mi sono ritrovata a dover cantare una canzone pop in una farmacia il terzo giorno di riprese davanti a tutti. Non sono una che si lascia andare facilmente e ho provato a evitarla, ma niente da fare… e così mi sono fatta coraggio e mi sono detta che in effetti le prime due strofe di

Toxicsono proprio forti, creano una reazione viscerale ed è un peccato che questo genere sia liquidato come se contasse poco, perché Britney Spears è davvero la migliore nel suo campo».Dopo questo ciak, il resto è stato in discesa: «E pensare che Em era quasi sul punto di partorire», aggiunge. «Lei ha dimostrato che puoi essere incinta di nove mesi e fare tutto come e meglio di prima. Se solo l’industria lo permettesse, ovviamente: headtopics.com

l’assistenza pre e post-natale per le lavoratrici è ancora carente, il che limita in molti casi l’avanzamento di carriera delle donne. Hollywood ci mette addosso standard di perfezioni inarrivabili, lasciando che a venire giudicate siano le apparenze e non il talento. Mi auguro che il gender gap venga appianato nei prossimi 10 o 20 anni».

In passatoha dichiarato di essere stata sempre pagata quanto i colleghi maschi e di aver fatto sentire la propria voce, forse perché, confessa, «non penso di essere brava in nient’altro che nella recitazione». Detesta rivedersi sullo schermo e quando, durante un volo, ha provato a guardare

Spagna, Ione Belarra è la nuova leader del partito di sinistra Podemos Calhanoglu, c'è l'offerta dell'Atletico Madrid Sparatoria in strada ad Ardea: bimbi morti erano fratelli

Drive(il film del 2011 in cui recitava al fianco di Ryan Gosling), si è quasi nascosta dall’assistente di volo perché si vergognava troppo. Di una cosa, però, è orgogliosissima: «Uso la mia popolarità a favore di cause benefiche come

Alzheimer’s Society(la nonna ne soffriva, ndr) eWar Child UK, che in questo momento sono in grave difficoltà. Viviamo in tempi difficili, ma resto ottimista guardando gli eroi quotidiani che si spendono in prima linea e mostrano il lato buono dell’umanità». Deve farlo – conclude – soprattutto quando al cinema sceglie progetti come

Una donna promettente,che invece sviscerano la parte più oscura.Giù le maniIn corsa per l’Oscar come miglior attrice protagonista, Carey Mulligan è la protagonista diUna donna promettente, storia di una ragazza che si finge ubriaca per smascherare le cattive intenzioni degli uomini.

FOTO Rory PayneServizio Cathy KasterinePag. 38: abito, Proenza Schouler. Make-up Emma White Turle @The Wall Group. Hair Dayaruci@The Wall Group. Art direction Phil Buckingham. Setdesign Louis Gibson@D+V Management. Produzione Priscila Nava Munoz.Per abbonarvi a Vanity Fair,

cliccate qui. Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Brusca torna libero, tra gli artefici della strage di Capaci - Sicilia

Fuori con 45 giorni di anticipo. Sciolse nell'acido il piccolo Di Matteo (ANSA)

«Ora di Punta», arriva su Instagram la nuova rubrica di Vanity Fair - VanityFair.itUn appuntamento quotidiano, per discutere con giornalisti della redazione e ospiti sempre diversi i temi caldi di attualità, cultura e spettacolo. Il nuovo spazio social di Vanity Fair vuole essere un'occasione di confronto e crescita, declinata via social

«Il potere dell’alleanza»: il nuovo Vanity Stage dedicato alla sensibilizzazione contro il tumore ovarico - VanityFair.itInformazione, ricerca e condivisione sono le armi per combattere una delle neoplasie femminili più aggressive. L’incontro virtuale è in programma stasera alle ore 18:30, sulla piattaforma dedicata e sui canali social di Vanity Fair Italia

Sonno: sei motivi per cui ci si sveglia sempre nel cuore della notte - VanityFair.itPuò essere un fatto normale, se sporadico. Ma un risveglio notturno frequente potrebbe dipendere da fattori precisi. Ecco quali

Eurovision Song Contest 2021: il pubblico ci sarà - VanityFair.itIl governo olandase ha dato il via libera per far sì che l'Eurovision Song Contest 2021 possa svolgersi in presenza. In attesa di stringerci intorno ai Måneskin, che si esibiranno alla finalissima del 22 maggio, ecco cosa cambia e cosa no

I gesti di benessere che ci fanno sentire meglio, Segno per Segno - VanityFair.itIl modo in cui ci prendiamo cura di noi stessi rispecchia e mette in equilibrio alcuni tratti dominanti della personalità. I consigli segno per segno di Ginny, astrologa di Una parola buona per tutti