Allerta Covid, è scattato il protocollo sanitario alla “Mairati”, alla “Levi” di Novara e alle medie di Caltignaga

Altri sei casi di positività riscontrati ieri fra gli studenti.

26/09/2020 14.19.00

Altri sei casi di positività riscontrati ieri fra gli studenti.

Altri sei casi di positività riscontrati ieri fra gli studenti: uno in una scuola dell’infanzia, un secondo in una primaria e un altro alla media inferiore. Tre casi sono di alunni di istituti superiori, ma dal momento che non avevano avuto contatti con le loro classi, queste ultime non sono state coinvolte. Scatta invece la procedura della verifica del tampone e del periodo a casa per 12 alunni e sette operatori della scuola dell’infanzia Mairati di Novara, per 18 alunni e 4 operatori della scuola primaria Carlo Levi di Novara e per 14 studenti e otto operatori della scuola media di Caltignaga. In ognuna di queste scuole è stato accertato un caso di positività (tutti e tre riguardano gli alunni) e quindi è iniziata la routine che prevede il tampone all’hot spot pediatrico e i giorni da trascorrere nella propria abitazione in attesa degli esiti. Per tutti questi studenti e i loro insegnanti e collaboratori scolastici da questa mattina partiranno le chiamate per l’esecuzione del test all’Asl. All’hot spot di viale Roma gli operatori sanitari lavorano ininterrottamente sette giorni su sette per smaltire il numero enorme di tamponi che viene richiesto dai pediatri. «Anche i tre casi di positività di oggi, alla Mairati, alla Carlo Levi e a Caltignaga - dice il dottor Edoardo Moia dell’hot spot - sono stati riscontrati in seguito alle richieste del pediatra. Siamo in una fase in cui i tamponi da eseguire sono moltissimi, cerchiamo di svolgere il compito nel modo ottimale; è importante che le famiglie osservino scrupolosamente le prescrizioni e abbiano fiducia negli operatori sanitari, perché c’è piena collaborazione fra Asl, pediatri e medici di famiglia, tutto questo a beneficio degli utenti». Ieri è stata eseguita anche una parte dei tamponi sui 60 bambini delle due scuole materne di Borgomanero (Lucchini e Pascoli), dove la positività è stata riscontrata in un insegnante. Oggi si concluderà la fase dei tamponi. «La scuola - ricorda la dirigente scolastica del comprens

A Novara il primo di ottobre dovrebbero rientrare i bambini della materna San Lorenzo, alla Maria Immacolata potrebbero già tornare in classe nella prossima settimana, ma saranno l’Asl e i medici a dare il via libera. Sono ancora a casa invece i bambini di una classe della Thouar, in attesa dei risultati del tampone. Oltre all’hot spot sono presi d’assalto anche i pediatri: «Alle famiglie - dice il responsabile provinciale, Domenico Careddu - va raccomandato di non mandare assolutamente a scuola il bambino se presenta qualche sintomo. La situazione è resa però complicata dal fatto che i casi positivi in gran parte sono stati riscontrati fra asintomatici».

Bari, 54enne in rianimazione: “Ischemia dopo vaccino”. Era in cura per “trombosi venosa periferica”. Il 26 maggio immunizzato con J&J - Il Fatto Quotidiano Pubblica amministrazione, il primo concorso con la 'formula Brunetta' è un flop: allo scritto si presenta poco più della metà degli ammessi. Ministero costretto a riaprire le selezioni - Il Fatto Quotidiano Il Fatto di Domani del 14 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Leggi di più: La Stampa »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Revocato lo sciopero in C, domenica via al campionato con Pro Vercelli-Novara a porte chiuseDomenica si gioca. Il derby tra Pro Vercelli e Novara si svolgerà regolarmente: tutti in campo alle 17,30 al Piola di via Massaua. L’Associazione Italiana Calciatori, in considerazione dell’evoluzione delle trattative con la Lega Italiana Calcio Professionistico relativamente al noto problema delle liste dei calciatori professionisti utilizzabili, ha revocato lo sciopero indetto per la prima giornata di campionato, pur mantenendo lo stato di agitazione già in precedenza proclamato, in attesa dell’Assemblea delle Società di Lega Pro. «Ha vinto il buon senso, è un successo del calcio italiano», ha detto Gabriele Gravina, presidente della Figc che l’altro giorno, in una riunione fiume ha cercato di mediare e smussare gli angoli nelle querelle tra Lega Pro e Aic. «I tifosi della serie C - continua il presidente federale - meritano di ricominciare, intere città aspettano da mesi di riappropriarsi del proprio campionato. E la soluzione che è stata trovata scongiura uno stallo che avrebbe compromesso la loro grande passione. Con un dialogo ampio e articolato sulla sostenibilità della Serie C, la Figc si è assunta l’onere di avvicinare posizioni molto distanti. Desidero ringraziare sia l'Aic che la Lega Pro per la disponibilità e la responsabilità dimostrata, d'ora in avanti sarà il campo a parlare». Il campionato prende il via, anche se l’Aic, pur revocando lo sciopero, mantiene lo stato di agitazione. La querelle non si è spenta del tutto: il problema ruota attorno alla lista bloccata a 22 giocatori (il cui numero dopo la revoca dello sciopero potrebbe venir alzato a 24), che secondo il presidente della Lega Francesco Ghirelli dà sostenibilità alle società garantendo un risparmio economico, mentre per i calciatori allunga l’elenco dei disoccupati. A spiegare bene la questione è il ds della Pro Alex Casella: «Il rischio è che molti giocatori non trovino una sistemazione in un breve lasso temporale. Noi ad esempio abbiamo qualche calciatore che non è ancora uscito e che pro

Scongiurato lo sciopero, domenica si gioca il derby Pro Vercelli-NovaraNOVARA In Serie C si gioca. Proprio sul filo di lana Aic e Lega pro, con la mediazione della Figc, hanno trovato l'intesa per scongiurare lo sciopero nella prima giornata del campionato in programma tra domani (sabato) e lunedì. L'accordo da ratificare martedì in assemblea prevede che il numero di professionisti in lista cresca da 22 a 24, più un giocatore nato dal 2001 in poi. La Lega pro ha insomma ammorbidito la propria posizione per raggiungere un compromesso con l'Aic, contraria alle nuove regole sul minutaggio dei giovani e soprattutto alla lista chiusa. Per il Novara, debutto confermato domenica alle 17,30 nel derby in trasferta con la Pro Vercelli. In mattinata il club aveva annullato la conferenza stampa di mister Simone Banchieri fissata per oggi alle 13,30: a questo punto l'appuntamento verrà riprogrammato per domani. In casa azzurra sono però ancora in attesa di ricevere il via libera sulla fideiussione integrativa assicurativa presentata per poter schierare i giocatori ingaggiati durante il mercato estivo: gli attaccanti Gianmarco Zigoni e Giuseppe Panico, mentre Ante Hrkac è comunque indisponibile per infortunio, Francesco Lamanna sta recuperando da un affaticamento e Lorenzo Colombini aspetta di potersi allenare in gruppo dopo l'esito del doppio tampone. E' una corsa contro il tempo.

Inps, il Covid è costato 2,8 miliardi di ore di cassa integrazioneNei primi sei mesi utilizzato solo il 42% delle ore autorizzate. I dati pubblicati dall'istituto di previdenza E io pago

Sostegni alle imprese e mascherine obbligatorie, il Principato di Monaco in campo contro il CovidCi sono 205 persone contagiate, attualmente 10 sono ricoverate. Il totale delle guarigioni è di 166

Cdp lancia un fondo per investire fino a 2 miliardi in hotel iconiciObiettivo sostenere le strutture alberghiere in un difficile momento di crisi dovuto alla pandemia da Covid-19

Berlusconi dopo un mese ancora positivo al Covid: «Sto bene, mi sento un leone»Il leader di Forza Italia ad un mese dal contagio è risultato ancora positivo al Covid. Ma non ha sintomi e continua a lavorare Era asintomatico, stava per morire, è guarito, non è guarito, non voglio sapere niente Immagino.. proprio un leone..!