Alleanza atlantica | Come Stati Uniti e Ue potrebbero rispondere all’invasione russa dell’Ucraina - Linkiesta.it

20/01/2022 11.59.00
Alleanza atlantica | Come Stati Uniti e Ue potrebbero rispondere all’invasione russa dell’Ucraina - Linkiesta.it

Come Stati Uniti e Ue potrebbero rispondere all’invasione russa dell’Ucraina | @europea_lk

Come Stati Uniti e Ue potrebbero rispondere all’invasione russa dell’Ucraina | europea_lk

Negli ultimi mesi, piuttosto che elaborare una politica comune, la priorità dell’Occidente è stato segnalare al mondo la rinnovata comunione d’intenti: il primo obiettivo è impedire a Putin di scavare un solco fra Washington e Bruxelles

Ma l’incertezza sulle intenzioni russe è complementare a quella sull’effettiva capacità occidentale di reagire. Nessuno sembra credere che un solo soldato Nato verrà sacrificato affinché Kharkiv rimanga ucraina, e non esiste un consenso rispetto alla possibilità di rifornire Kiev di armi e munizioni in caso di guerra. Ciò che è invece chiaro è che gran parte degli sforzi occidentali si concentreranno sul mantenimento di unità fra alleati, anche di fronte a un’escalation militare.

Leggi di più: Linkiesta »

Elezioni, le regole per il deposito dei simboli al Viminale - Italia

Da venerdi' a domenica, scadenze in pieno agosto in funzione del voto del 25 settembre (ANSA) Leggi di più >>

europea_lk europea_lk Se guerra sarà, sarà asimmetrica, cibernetica e finanziaria. Come Europa guarderei non all'Ucraina, ma alla Bosnia, al Kosovo, alla Lybia e alla Syria. Con Cina e Turchia pronte a incunearsi nei paesi cuscinetto tra Russia e Europa e con un fronte interno impreparato alla guerra.

Negli Stati Uniti le compagnie aeree protestano contro le nuove frequenze del 5G - Il Post

Negli Stati Uniti le compagnie aeree protestano contro le nuove frequenze del 5G - Il PostTemono che possano provocare interferenze con la strumentazione degli aerei, ma sulla questione c'è dibattito Complottisti...

Brilla l’export dei gioielli italiani: boom di Stati Uniti e CinaNei primi nove mesi 2021 le vendite all’estero crescono del 70,6% per un totale di 5,5 miliardi di euro. Ripresa anche rispetto al 2019. Persistono però i timori per l’incremento dei costi delle materie prime e per il calo del “revenge shopping”

Juventus, Landucci: "Siamo stati bravi, l'atteggiamento è quello giusto"

Juventus, Landucci: "Siamo stati bravi, l'atteggiamento è quello giusto"Il vice di Allegri dopo la Sampdoria: 'Bisogna continuare a fare bene sul campo e non a parole' il mio mister 💪🏻 Cavolo ma avete visto la Sampdoria? In che condizioni sono?

La cantante Elodie fa adottare otto cuccioli che erano stati abbandonatiGrazie all'appello della cantante elodie, che si trovava ad Ascoli Satriano per girare un film, tutti i cuccioli soccorsi dall'Enpa sono stati adotatti ed oggi hanno una casa

I presunti responsabili della morte dell'ambasciatore italiano Luca Attanasio sono stati arrestati, dice la polizia del Congo - Il Post

I presunti responsabili della morte dell'ambasciatore italiano Luca Attanasio sono stati arrestati, dice la polizia del Congo - Il PostIn una conferenza stampa tenuta martedì, la polizia della Repubblica Democratica del Congo ha annunciato di aver arrestato i presunti responsabili della Dice

Fatta la legge, trovato l’inganno | L’applicazione all’italiana delle regole Ue sulla plastica monouso - Linkiesta.itDal 14 gennaio una direttiva ha escluso dal mercato europeo alcuni prodotti, per altri è prevista una riduzione del consumo. Ma la norma che la recepisce nell’ordinamento nazionale contiene esenzioni e deroghe che rischiano di limitarne gli effetti

LaPresse/Guglielmo Mangiapane Nei conflitti politici è sempre difficile capire quando si è giunti al punto di non ritorno.(Joe Raedle/ Getty Images) Mercoledì le compagnie telefoniche statunitensi AT&T e Verizon dovrebbero abilitare su tutto il territorio del paese nuove frequenze della rete 5G ( la cosiddetta banda C ), che dovrebbero rendere più veloci ed efficienti le connessioni 5G già attualmente in uso.Ascolta la versione audio dell'articolo 3' di lettura Nei primi nove mesi del 2021 prosegue l’andamento positivo dell’industria orafa italiana: secondo l’elaborazione per Federorafi del Centro Studi di Confindustria Moda su dati Istat, fra gennaio e settembre 2021 il commercio con l'estero del settore orafo-argentiero-gioielliero ha confermato la ripresa rispetto al 2020, con un aumento dell’export pari al 70,6% per un totale di 5,574 miliardi di euro.ha svolto il proprio dovere per la gioia di Landucci : "Abbiamo fatto una bella partita e non era facile - ha commentato il vice di Allegri a fine partita -, la squadra ha interpretato bene la partita e siamo stati tutti bravi.

La prova di forza fra Russia, Ucraina e comunità euroatlantica non è da meno. A offuscare il giudizio contribuisce, ad esempio, la totale opacità decisionale del Cremlino: difficile dire con certezza quali siano le intenzioni di Mosca, alcuni dubitano perfino che Vladimir Putin abbia lanciato il guanto a Stati Uniti e Unione europea avendo un’idea precisa di ciò che vuole ottenere. L’introduzione del nuovo servizio era già stata rimandata a inizio anno in accordo con le compagnie telefoniche, secondo cui non ci sono problemi di sicurezza, ma adesso il limite del rinvio sta per scadere: alcune tra le compagnie aeree più note hanno chiesto alle autorità nazionali che la banda C non venga implementata vicino agli aeroporti più trafficati per evitare conseguenze «catastrofiche». In queste ore si può tuttalpiù parlare delle condizioni che le forze armate russe dovranno soddisfare per sferrare un attacco su larga scala in Ucraina. Stati Uniti ed Emirati traino dell’export. L’esercito russo ha raddoppiato la propria presenza ai confini fra i due Stati, portando a quota 60 il numero di battaglioni tattici schierati. In particolare, rischierebbe di far funzionare male gli altimetri, cioè gli strumenti che misurano la distanza di aerei ed elicotteri dal suolo, complicando le procedure di atterraggio, soprattutto in caso di scarsa visibilità e maltempo. Le truppe russe sarebbero in grado di entrare in azione a partire da fine mese, una volta terminato il trasferimento delle unità logistiche dai distretti militari orientale e centrale (Siberia). La Juventus sta vivendo un momento positivo nonostante un calendario difficile: "L'atteggiamento è cambiato rispetto ai primi mesi e questo è fondamentale.

Ma l’incertezza sulle intenzioni russe è complementare a quella sull’effettiva capacità occidentale di reagire. Le frequenze della banda C, che sono quelle comprese tra 3,7 e 4,2 GHz, non sono le stesse usate dalla strumentazione degli aerei, ma sono molto vicine. Nel periodo in esame salgono del 40,9% anche le vendite dirette verso Hong Kong, sesta destinazione. Nessuno sembra credere che un solo soldato Nato verrà sacrificato affinché Kharkiv rimanga ucraina, e non esiste un consenso rispetto alla possibilità di rifornire Kiev di armi e munizioni in caso di guerra. Ciò che è invece chiaro è che gran parte degli sforzi occidentali si concentreranno sul mantenimento di unità fra alleati, anche di fronte a un’escalation militare. L’associazione ha inviato una lettera al segretario ai Trasporti Pete Buttigieg, all’agenzia federale statunitense che si occupa di aviazione (Federal Aviation Administration, FAA), all’agenzia governativa che gestisce le telecomunicazioni (Federal Communications Commission) e al direttore del National Economic Council, l’ufficio del presidente degli Stati Uniti che valuta e assiste il presidente sulle questioni di natura economica. Sanzioni finanziarie e il ritorno degli Stati Uniti Liana Fix, Resident Fellow al German Marshall Fund di Washington DC, spiega che «gli Stati Uniti sembrano prendere molto più seriamente la possibilità di un’azione militare rispetto all’Europa», un’impressione che conferma le percezioni di quali Stati europei siano allarmati dall’aggressiva politica russa. Loading. Capitali come Varsavia o Vilnius hanno sempre scommesso sulla capacità americana di rispondere con più forza alle minacce del Cremlino rispetto agli alleati dell’Europa occidentale; ora che gli alleati dovranno considerare possibili risposte a un’invasione, sono proprio gli Stati Uniti ad aver proposto le sanzioni più dolorose per l’economia russa. Nello specifico, chiede che il nuovo 5G non venga implementato nel raggio di circa 2 miglia (3,2 chilometri) attorno ai principali aeroporti del paese, almeno fino a quando la FAA non avrà stabilito che si potrà usare «in sicurezza senza disagi catastrofici».

Gli statement pubblici di funzionari dell’amministrazione Biden (e del dipartimento di Stato), così come i lavori legislativi al Congresso, sembrano indicare che ad azioni militari da parte di Mosca si risponderà con una completa espulsione della Federazione russa dai mercati finanziari: si parla per ora di un divieto di fare affari con le banche russe, l’esclusione dal sistema Swift per i pagamenti internazionali e altre misure di questo calibro. Ma quanto è verosimile che queste “ sanctions from hell ”, come sono state graziosamente ribattezzate, siano effettivamente imposte? La risposta statunitense a una crisi militare in Europa è soggetta a tre condizioni: prima di tutto, le misure dovranno essere abbastanza forti da segnalare volontà e capacità americana di prevedere un costo salatissimo in difesa dei propri alleati. Secondo la compagnia, ci saranno «limitazioni significative» per l’utilizzo dei Boeing 787, 777 e 737 soprattutto in alcuni degli aeroporti più frequentati del paese, tra cui quelli di Houston, San Francisco, Los Angeles, Chicago e Newark, vicino a New York. Anche il confronto con i dati prepandemia è lusinghiero: gli Stati Uniti guadagnano il 64,6%, gli Emirati +7,9%, mentre restano ancora in perdita Svizzera, Francia e Hong Kong. In secondo luogo, le sanzioni economiche sono un’arma che si “spunta” un po’ di più ogni volta che viene utilizzata, perché il Paese che le subisce adatta il proprio sistema economico di conseguenza: dopo anni di sanzioni, le misure oggi in discussione sarebbero davvero un’ultima ratio in ambito finanziario, ed è evidente che ad ulteriori escalation non si potrà più reagire solo con misure economiche. Infine, queste misure richiederanno un consenso ferreo fra Stati Uniti e alleati europei, che rischiano di subire anche loro i costi di tale rappresaglia e dovranno cooperare nell’implementare questa opzione forte. Le compagnie telefoniche non hanno commentato l’allerta lanciata dalle compagnie aeree di questi giorni, ma in passato avevano sottolineato che il nuovo 5G era già stato implementato in una quarantina di paesi senza provocare problemi. Ansie da abbandono Piuttosto che elaborare una politica comune, negli ultimi mesi le relazioni transatlantiche sembrano aver avuto come priorità l’intento di segnalare unità fra alleati. Tuttavia, l’export di Valenza-Alessandria è l’unico a non registrare un recupero rispetto ai primi nove mesi del 2019, mentre Arezzo e Vicenza si attestano a +17% circa.

In parte si deve alla necessità di contrastare le percezioni russe sull’effettivo ruolo dell’Unione europea e della Nato in Europa: le due organizzazioni sono essenzialmente viste come emanazioni del potere americano, vassalli che in definitiva rispondono alle priorità politica poste da Washington. Nel frattempo, alcune compagnie aeree hanno fatto sapere che stanno valutando se cancellare alcuni voli internazionali in arrivo negli Stati Uniti mercoledì in via precauzionale. Il fallimento dell’accordo di pace Minsk II e la morte prematura del “formato della Normandia” – con cui Russia, Ucraina, Francia e Germania hanno tentato di mediare una fine della guerra in Donbass – è anche legato al desiderio di Mosca di saltare l’intermediario e confrontarsi direttamente con chi, secondo il Cremlino, può fare il buono e il cattivo tempo in Europa. Questo non è un problema che riguarda solo i russi. In Italia le frequenze della banda C sono state assegnate agli operatori telefonici, ma sono relativamente poco utilizzate e finora l’ENAC, l’ente che si occupa dell’aviazione civile, non ha espresso preoccupazioni al riguardo.. L’ansia che possa essere raggiunto un accordo alle spalle degli europei si ravviva ogni volta che avvengono incontri bilaterali fra funzionari statunitensi e russi, provocando malumori nelle capitali nazionali e a Bruxelles. Il cortocircuito comunicativo di Josep Borrell, Alto Rappresentante dell’Unione Europea in politica estera, è esemplare: dopo aver messo in guardia Russia e Stati Uniti, negli ultimi giorni nessuno più di lui si è speso per assicurare che è in corso la massima coordinazione fra Bruxelles e Washington, pur avendo occupato in modo poco efficace quel «posto al tavolo dei negoziati» tanto agognato a fine dicembre.

Nel dubbio, uniti Gli Stati Uniti hanno fatto (e faranno) di tutto per combattere questa percezione. Liana Fix spiega che «la coordinazione fra Stati Uniti ed Europa è al centro dell’agenda americana, soprattutto sulla questione delle sanzioni. L’idea è cercare di avere lo stesso messaggio da parte di tutti gli attori: la presidenza francese dell’Ue, la presidenza polacca del Osce, Bruxelles e la Nato». Il fronte comune serve a impedire alla Russia di scavare un solco fra gli alleati. Ma l’amministrazione Biden ha un interesse genuino nel creare un rapporto affiatato con l’Europa unita, che presto o tardi sarà necessario mobilitare anche nello scontro politico con la Cina.

È però impossibile non vedere il costo di questa politica. Ostentando «deferenza nei confronti degli alleati», come ha scritto Chris Miller su Foreign Affairs , Washington ha de facto rinunciato a una risposta credibile contro la Russia. Nulla sembra oggi indicare che gli alleati europei siano intenzionati a farsi carico di una strategia politica d’ampio respiro. A margine del summit di Brest, Josep Borrell ha annunciato che Bruxelles avrebbe cominciato a lavorare a una posizione comune sulla Russia, indicando che, anche di fronte a una possibile invasione, non esiste un vero consenso europeo al di là delle sanzioni. Ciò è abbastanza in linea con la politica perseguita fino a oggi, che è più servita a dimostrare la capacità europea di agire comunemente piuttosto che l’utilizzo di questo strumento per perseguire una strategia.

A tutto questo si sommano le posizioni dei singoli Stati membri, molti dei quali sono poco propensi a prendere posizioni forti. Uno su tutti, la Germania. Berlino sconta una visione politica che antepone la stabilità a tutti i costi rispetto alla difesa di altre norme internazionali. Come spiegano persone vicine alla leadership di uno dei partiti di governo, «l’Europa è attualmente circondata da focolai di crisi in ogni direzione. Tenere l’Ue lontana dalle fiamme è la nostra responsabilità politica», indipendentemente dal costo che questo potrà avere nel medio termine.

Proprio in nome dell’unità alleata è quantomeno probabile che se l’ostinazione tedesca su Nord Stream 2 persisterà, gli Stati Uniti faranno poco o nulla per costringere la Germania ad accantonare il progetto. Alla vigilia di una possibile invasione esiste quindi un’unica certezza: l’occidente reagirà unito. I contenuti di questa reazione, le modalità della rappresaglia e la strategia a lungo termine per gestire il ritorno della guerra fra Stati in Europa rimangono tuttavia occultati da un grande punto interrogativo. Ovviamente, è del tutto possibile che un conflitto armato sia ciò che serve per convincere gli europei a buttare il cuore oltre l’ostacolo e reagire con decisione alle pressioni russe. Ma la teoria delle relazioni internazionali ci dice che il rischio di conflitto aumenta esponenzialmente in un regime di incertezza: se entrambe le parti mandano segnali confusi sulla loro risolutezza, tanto più alto sarà il rischio che una delle parti si prenda un rischio di troppo.

Allo stesso tempo, non è detto che vi sia certezza del rischio effettivo che si corre con una politica di appeasement . È possibile che nel caso di un’invasione, che stravolgerebbe definitivamente almeno parte dell’ordine instauratosi dal dopoguerra, l’indecisione europea metta a repentaglio più di quanto non si associ ai destini dello Stato ucraino. Condividi: .