Alla Camera va in scena la pista mediorientale per la Strage di Bologna. Il Pd: strage fascista

A Montecitorio uno scontro di visioni, storie, convinzioni

03/10/2020 12.18.00

Alla Camera va in scena la pista mediorientale per la Strage di Bologna. Il Pd: strage fascista

A Montecitorio uno scontro di visioni, storie, convinzioni

10:10ROMA.  È uno scontro di visioni, di storie, di convinzioni profonde. Ed è uno scontro irriducibile. Si parla della Strage di Bologna, 2 agosto 1980. Alla Camera parla Federico Mollicone, deputato di Fratelli d’Italia, e sta chiedendo al governo che si tolga il segreto sul dossier creato tra il 1978 e il 1982 dall’agente segreto Stefano Giovannone in Libano. Sono cablogrammi cifrati che la sezione di Beirut mandava alla sede centrale del Sismi e riguardano i nostri rapporti, misteriosi e ambigui, con le forze del Medio Oriente.

Cinque azzurri (e tutto il Galles) si inginocchiano prima del fischio di inizio: non era mai successo Primarie a Roma e Bologna, Letta e il Pd: «Grande affluenza, una festa della democrazia» Ponte Genova: intitolata a vittime passerella sul Polcevera - Liguria

DossierFino al 2014 sul dossier c’era un segreto di Stato, e quindi nemmeno i magistrati hanno potuto vederli. In seguito, è subentrato il timbro «segretissimo» e finalmente li hanno letti almeno i parlamentari della commissione d’inchiesta su Moro, nella scorsa legislatura. Non è dato sapere se anche la magistratura di Bologna. Il governo ha appena stabilito che il segreto durerà almeno fino al 2029. Ebbene, per Mollicone, che da anni si batte per scagionare Giusva Fioravanti e Francesca Mambro dal peso di questa strage, e che ora rifiuta l’idea che tra i mandanti potessero esserci un senatore del vecchio Msi in accordo con Licio Gelli, in quel dossier potrebbero esserci elementi importanti per la pista mediorientale. «Si dia libero accesso agli atti per la verità». Intanto nella solennità dell’Aula della Camera prova «a mettere insieme i pezzi» delle ultime rivelazioni. Nulla di nuovo sotto al sole, bensì tanti piccoli tasselli emersi qua e là, che Mollicone ha inserito tutti dentro un’interrogazione. Legge con concitazione: Carlos, i terroristi europei del suo gruppo quali Thomas Kram (che era a Bologna la notte della strage), la staffetta terrorista Christa Margot Fröhlich (che fu beccata nel 1982 all’aeroporto di Fiumicino con una valigia carica di esplosivo), il Kgb, il gruppo palestinese-marxista Fplp di George Habbash, il loro referente italiano Abu Saleh che viveva a Bologna (nel 1980 era in carcere perché coinvolto nel trasporto di due missili, scovati dai carabinieri a Ortona, in Abruzzo), l’amicizia sorprendente tra Saleh e il giudice istruttore di Bologna Aldo Gentile, titolare delle indagini sulla Strage, il giallo del corpo di Maria Fresu, una vittima, che non si trova più, e nella sua bara c’era un brandello di volto di donna che non si sa a chi appartenga. Infine quel che si sa di quei cablogrammi di Beirut: un crescendo di minacce contro l’Italia da parte dell’Fplp per la storia dei missili lungo il 1979 e il 1980, la preoccupazione del Sismi, le paure del governo dell’epoca. Tutto ciò, però, affastellato confusamente nelle poche righe di un’interrogazione, all’altra parte sembra un delirio.

Reazioni socialAd ascoltare le parole di Mollicone c’è ad esempio Filippo Sensi, deputato Pd, che scrive quasi in diretta su Twitter: «Dovreste sentire quello che sto sentendo io in aula da parte di un deputato di Fratelli d’Italia sulla strage fascista di Bologna. Dovreste sentirlo. E portarlo sempre con voi, e tenerlo ben chiaro, come una bussola. Sempre». Quanto più Mollicone si accalora, tanto più a sinistra quel che dice pare un’eresia allucinata. Per Sensi, infatti, è evidente che la strage «è fascista». Punto. Ci sono le sentenze passate in giudicato a inchiodare i Nar. Tutto il resto è politica. Come dice anche Andrea De Maria, Pd, bolognese: «Continua un'iniziativa grave e inaccettabile della destra che fa confusione e ripropone tesi infondate sulla strage del 2 agosto». Nel merito, il governo non ha alcuna intenzione di liberalizzare quei documenti. Il sottosegretario per lo Sviluppo economico, Gian Paolo Manzella, in sostituzione della presidenza del Consiglio, legge la risposta predisposta dagli uffici. È vero che nel 2015 erano stati indagati i due terroristi tedeschi Kram e Fröhlich, ma poi la loro posizione è stata archiviata. È vero che il tribunale di Bologna, nell’ambito del processo a Gilberto Cavallini, poi condannato, ha disposto la riesumazione dei resti della povera Fresu e il DNA ha dimostrato che nulla le apparteneva, ma poi la stessa Corte ha scritto che «l’eventuale espletamento di altre perizie sul DNA porterebbe, comunque, ad un binario morto, insuscettibile di alcuna ipotesi realmente apprezzabile, essendo pacifico l’immediato contesto post-strage, ossia la mescolanza di corpi, brandelli di corpi e macerie in uno scenario apocalittico, ove sarebbe stato impossibile individuare e selezionare un corpo». Quanto ai documenti del colonnello Giovannone, «sono a disposizione delle autorità giudiziarie e delle Commissioni parlamentari di inchiesta interessate». Insomma, se ne riparla nel 2029. headtopics.com

Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

La campagna elettorale sui cadaveri e' una delle cose più squallide della nostra squallida politica...

Audi e-tron S Sportback, debutto a Milano alla Interni Designer's WeekAnteprima nazionale di Audi e-tron S Sportback in Piazza della Scala

X Factor 2020, Cmqmartina conquista con un inedito dedicato alla mammaLeggi su Sky TG24 l'articolo X Factor 2020, Cmqmartina conquista con un inedito dedicato alla mamma. IL VIDEO Aveva già conquistato le classifiche di radiodeejay l'anno scorso...non proprio una sconosciuta 😉 Già sentita su radiodeejay 🤔🤔 che del pezzo ne hanno fatto pure un jingle

Fuori dalla sua città lo stalker che non rispetta il divieto di avvicinamento alla vittimaGiustificato il divieto di rientrare nella propria casa. Nel 2016 la Cassazione aveva considerato eccessiva la limitazione del diritto fondamentale, collegato all’uso dell’abitazione

Indagine su De Laurentiis: andò alla riunione della Lega Calcio «nonostante i sintomi del Covid»Si tratta di un’indagine senza titolo di reato in seguito all’esposto del Codacons: il Presidente del Napoli non sapeva ancora l’esito del tampone ma non rispettò l’isolamento fiduciario e partecipò «senza mascherina» Pagliaccio Uno stupido e arrogante egoista Buffone

Morgan, la prima lezione di musica alla figlia Maria Eco - VanityFair.itIl cantante, che dall'ex compagna, Alessandra Cataldo, ha avuto una bambina sei mesi fa, ha postato su Instagram il primo tentativo di insegnare alla piccola l'amore per l'arte. E per la tastiera, che «Non si mangia, si suona», ripete ridendo all'ultimogenita CrisAvalon Ex? Mah...Lei è comunque una ragazza da ammirare, perchè gli è stata e gli sta accanto con riservatezza e discrezione,nei momenti positivi e in quelli difficili.

Educazione finanziaria alla terza edizione, un mese con 400 eventi onlineIn campo anche la Covip (authority della previdenza). Per la prima volta si “sforerà” in novembre con la “Settimana dell’Investitore” coordinata dalla Consob