Alimentazione sballata, più presenza sui social e rapporti conflittuali con genitori e amici: ecco come escono gli adolescenti dal Covid - Il Fatto Quotidiano

Alimentazione sballata, più presenza sui social e rapporti conflittuali con genitori e amici: ecco come escono gli adolescenti dal Covid

21/06/2021 18.37.00

Alimentazione sballata, più presenza sui social e rapporti conflittuali con genitori e amici: ecco come escono gli adolescenti dal Covid

La pandemia ha lasciato il segno negli adolescenti e nei ragazzi. Dopo un anno di vita costretti a fare i conti con il Covid, la didattica a distanza e il coprifuoco, i nostri teenager rischiano un’overdose social: se nel 2019 erano il 34,5% degli under 11 ad usarli ora si è passati al 41,8% con …

overdose social: se nel 2019 erano il 34,5% degli under 11 ad usarli ora si è passati al 41,8% con un’impennata diTikTokche raddoppia in 365 giorni i suoi utenti più giovani. Nel giro di dodici mesi la loro esistenza è cambiata: dormono molto meno, hanno rapporti sempre più critici con i genitori e sono sempre meno soddisfatti di se stessi. Unico dato positivo per ora è il calo del

Gregorio Paltrinieri è infinito: medaglia di bronzo alle Olimpiadi nella 10 km di nuoto in acque libere. 'La ricompensa dopo l'inferno' - Il Fatto Quotidiano Atalanta su Abraham se Zapata va all'Inter Milan, 0-0 a Valencia: poi perde ai rigori 5-3

consumo di alcolche potrebbe tuttavia rimbalzare con l’abolizione delle restrizioni.A fare questa fotografia è l’edizione 2021 dell’indagine sugli stili di vita degli adolescenti italianirealizzata daeIstituto di ricerca Iardsu un campione di oltre 10.500 studenti tra i 13 e i 19 anni. Il primo dato preoccupante è lo sdoganamento dell’uso del telefonino e dei social da parte anche dei pre-adolescenti: nel 2019 aveva lo smartphone a meno di undici anni il 60,4% dei ragazzi (era il 40,9% nel 2016), mentre oggi la percentuale è salita al 78,1%. Discorso analogo per l’utilizzo di social da parte degli under undici: 20,5% nel 2016, 34,5% nel 2019, 41,8% nel 2021. Tra le piattaforme più trendy c’è TikTok (che a rigor di legge dovrebbe essere utilizzato solo dopo i 13 anni), passato in un anno da un utilizzo da parte del 28,7% del campione (indagine 2020) al 65% (indagine 2021), con le ragazze che arrivano al 73,8%.

Se Facebook continua la sua inesorabile discesa tra i “teen” (ormai lo utilizza meno del 15%) rimane stabileInstagram(90%) e crescePinterest, che aumenta del 17%. Siamo di fronte a numeri significativi soprattutto se confrontati con il passato: “Se oggi appare utopico pensare di poter invertire la tendenza – commenta headtopics.com

Maurizio Tucci, presidente di Laboratorio Adolescenza – dovremmo almeno cercare di gestire il fenomeno insegnando a ragazze e ragazzi quantomeno ariconoscere e limitare i rischi. Non è semplice, anche perché la velocità con cui i nuovi social, con caratteristiche potenzialità e attrattività sempre crescente, entrano ed escono dalla vita degli adolescenti è molto maggiore rispetto alla capacità degli adulti anche solo di capire di cosa si sta parlando”.

Tra i problemi emersi dall’indagine c’è anche quello di un certo “caos” nelbioritmodei ragazzi. Gli adolescenti hannomangiato più del solito(52,6%) e in modo più disordinato (53,6%), ma soprattutto hannodormito troppo o troppo poco. Se nel 2019 il 28% dei ragazzi affermava di andare a letto dopo le 23 (in periodo scolastico) oggi la percentuale è salita al 43% e supera il 63% tra gli studenti delle scuole superiori. Al 43,4% che ha affermato di aver dormito complessivamente meno del solito risponde un consistente 35% che afferma di aver dormito di più. Il problema è stato la

distribuzione delle ore di sonno: molte meno di notte e di più la mattina o nel corso della giornata.Sul versante psicologico la situazione è pure peggiorata. A definire conflittuali o critici i rapporti familiari prima del Covid era il 23% degli adolescenti, mentre oggi la percentuale è salita al 25,4% e a soffrire di più sono risultate particolarmente le ragazze con il 28,3%. Nemmeno la distanza forzata sembra aver avuto un effetto positivo. Anche le relazioni all’interno del gruppo dei pari hanno subito, sia pure in forma minore, un danno. A definire insoddisfacenti o difficili i

rapporti con gli amiciera il 10,2% prima del Covid e oggi è il 14%. E l’insoddisfazione risulta rivolta anche verso se stessi. A non piacersi (fisicamente) prima della pandemia era il 39% degli intervistati e oggi è il 42,5% (ragazze 50,1%). headtopics.com

Romero al Tottenham è fatta: affare ai dettagli Jacobs portabandiera nella cerimonia di chiusura In Edicola sul Fatto Quotidiano del 5 Agosto: Il governo butta altri 50 milioni dal Ponte. Spreco continuo - Il Fatto Quotidiano

Non si meraviglia di queste evidenzeLoredana Petrone, psicoterapeuta e docente della facoltà di psicologia dell’università di Chieti: “Il conflitto con i genitori, a quell’età, è del tutto normale. In una situazione del tutto nuova (e critica) come quella che abbiamo vissuto, le dinamiche familiari sono necessariamente cambiate, costringendo genitori e figli a trovare un nuovo equilibrio nel ‘conflitto’ che può aver reso più critici i rapporti, magari anche solo nella percezione. Diverse, invece, le criticità emerse con il gruppo dei pari che verosimilmente sono frutto proprio della

mancanza di contatto continuativo, anche fisico, fondamentale per sviluppare e mantenere forti le relazioni adolescenziali”.Due sono gli aspetti positivi che emergono dal dossier. Il primo: è tornata lavoglia di viaggiare. Dopo un comprensibile calo rilevato nell’indagine realizzata durante il

lockdown(20%), il rimbalzo c’è stato ed oggi a voler fare questa esperienza è addirittura il 62% degli studenti delle scuole superiori. Sta passando anche la “paura”. Se nel 2020, pensando a un anno distudio all’estero, il timore di avere problemi di salute riguardava il 34% degli studenti intervistati, dopo il picco durante il lockdown (45,2%) si sta tornando alla normalità (40,7% dato 2021).

Infine la delicata questione del consumo deglialcolici. Nel corso dell’anno pandemico la percentuale di adolescenti che afferma di aver bevuto più bevande alcoliche del solito (19,2%) è compensata dal 20,1% che afferma di averne bevute meno del solito. In sostanza, come sostiene la maggioranza del 58%, non c’è da registrare nessuna variazione. Ciò che invece è migliorato nettamente rispetto al recente passato è la percentuale di chi ha dichiarato di essersi headtopics.com

ubriacatouna o più volte. Riferendoci agli studenti delle scuole medie inferiori si passa dal 20,8% (dato 2017) e dal 22,3% (dato 2019) all’odierno 11% e, relativamente agli studenti delle superiori, si passa dal 51,1% (dato 2019) al 43,7% di oggi. Il rischio è che, con l’estate, l’assenza della scuola e l’arrivo della

zona biancasi torni ai dati di prima.Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!Sostenereilfattoquotidiano.it Leggi di più: Il Fatto Quotidiano »

Covid, Mattarella: 'Vaccinazione dovere civico e morale'

Leggi su Sky TG24 l'articolo Mattarella: 'Vaccinazione dovere civico e morale. Prevalga senso di responsabilità'

Andiamo bene. È preoccupante E' già tanto se non ne escono fifoni con il terrorismo psicologico che avete impresso. Poverelli cosi disadattati. Ma non lo facevano anche senza il covid?

In arrivo i primi 40 mila Green pass per i valdostani vaccinati contro il CovidInviata a Roma la lista di chi è stato immunizzato. Ma mancano tredicimila contatti. Farà la fine dell’app immuni

Mutilazioni genitali femminili, sotto il Covid torna la minaccia - VanityFair.itLa pratica è riemersa anche nei Paesi, come il Camerun, dove era stata quasi del tutto superata. Anche in Italia vivono 87 mila donne che hanno subito mutilazioni genitali femminili

Covid Piemonte, il bollettino: 31 casi su 9.391 tamponiLeggi su Sky TG24 l'articolo Covid Piemonte, il bollettino: 31 casi su 9.391 tamponi

Entro un anno la «pillola anti Covid» - VanityFair.itLa Casa Bianca ha stanziato 3,2 miliardi per la ricerca di una pillola antivirale da prendere ai primi sintomi. La speranza? Che sia pronta per fine anno

Covid e variante Delta, tre le versioni esistenti: ecco quali sonoLeggi su Sky TG24 l'articolo Covid e variante Delta, tre le versioni esistenti: ecco quali sono Perché non dite che i vaccini non riescono a proteggere dalle varianti? Perché non dite che un sistema immunitario sotto stress per il vaccino appena fatto, rende il soggetto vaccinato ancor più vulnerabile alle varianti ? A quando le notizie vere ? La verità sopra ogni cosa !!! Sky tg 24 minkiate al secondo... Disinformatori seriali e burattini. tutte stronzate per mettervi paura? ma avete visto qualche politico morire di covid? giocatore famoso? o qualche vip è morto? sembra che il covid non va da chi ha i soldi....cmq sono tutte stronzate by

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivareL’ultima parola spetta al Cts, poi spetterà al governo decidere se far cadere l’obbligo all’aperto della mascherina: Coglioni!!!