Califfo

Califfo

Al Baghdadi nascosto in Iraq, è caccia al Califfo ricomparso dopo 5 anni

Al Baghdadi nascosto in Iraq, è caccia al Califfo ricomparso dopo 5 anni

30/04/2019 10.46.00

Al Baghdadi nascosto in Iraq, è caccia al Califfo ricomparso dopo 5 anni

Durante l'assenza ha badato ha diretto lo Stato Islamico, evitando di farsi prendere. Sulla sua testa c’è una taglia di 25 milioni di dollariIl Califfo in un video 5 anni dopo l’ultima apparizione di Nuovo video di Al Baghdadi: «Sri Lanka vendetta per Baghouz» di Marta Serafini

. Nessuno sapeva su cosa fosse, di certo era importante. Dunque grande attesa, antenne «aperte», intelligence al lavoro e nei cieli iracheni si è notata una presenza costante di aerei per lo spionaggio elettronico. Hanno «pettinato» il settore di Baquba, poi a est di Kirkuk. Forse voli di normale pattugliamento, ma anche missioni legate alla ricerca di target specifici. Magari i collaboratori del Califfo, i portaordini.

Milan, arriva il lieto fine: riscattato Tomori per 28 milioni! Covid, stato di emergenza verso la proroga: i pareri dei politici Anche il ministro Speranza si è vaccinato: «Una grande gioia»

La ricomparsa in video, dopo cinque anni, di al Baghdadi è già da sola una notizia. Perché rappresenta la prova in vita di un leader dato spesso per spacciato. Invece è lì, ingrassato, con la barba lunga e pallido. Probabile che veda raramente la luce del Sole. In questo lungo periodo ha badato a due cose: dirigere lo Stato Islamico e evitare di farsi prendere. Sulla sua testa c’è una taglia di 25 milioni di dollari, su quelle degli iracheni hanno lanciato in marzo – zona di Ramadi - dei volantini con la richiesta di informazioni mentre sono uscite news di dissenso interno per la serie di sconfitte sul campo. Il leader, però, ha ribadito di essere lui al comando, ha «firmato» operazioni sanguinose, compresa la strage in Sri Lanka. Così tutti capiscono.

Dicono che da tempo non usi alcun telefono o apparato radiopreferendo affidarsi ai messaggeri, cosa che ha fatto Osama per un decennio, fintanto che non l’hanno scovato in Pakistan grazie ad una soffiata incrociata – dice la storia – con una foto di una «figura alta» nel cortile della palazzina di Abbottabad, lo «scatto» di un satellite. Un ufficiale dello Stato Islamico, arrestato dagli iracheni, ha raccontato che le misure di protezione del Califfo sono ovviamente strettissime. Quelle rare volte che deve incontrare i suoi applicano creano i filtri: gli «emiri» devono lasciare cellulari, penne, orologi, ossia qualsiasi cosa possa essere tracciata oppure nascondere una «cimice». Poi sono trasferiti verso una destinazione sconosciuta senza sapere chi vedranno. Dopo due o tre giorni arriva il leader e se ne va con largo anticipo rispetto agli altri. Le case che lo ospitano hanno i vetri oscurati, un telone è messo davanti e sopra all’ingresso per ostacolare la ricerca da parte dei droni. Facile che scelgano un’abitazione con un garage. Per spostarsi è probabile che usi un mezzo che sembri un taxi collettivo o un’auto con famiglia a bordo, nelle vicinanze una scorta, anche questa mimetizzata. È ipotizzabile che vi siano delle staffette in moto, mandate in avanscoperta per controllare il percorso o i percorsi. Se è scaltro vorrà avere delle opzioni. Un errore può portarlo al fianco di Osama e di Abu Musab al Zarkawi e di quelle decine di quadri inceneriti da un drone, sorpresi a bordo di una vettura, dentro un covo. Hashim al Hashimi, un analista iracheno, ha ricordato nel 2018: «Dei 43 leaders principali è rimasto solo al Baghdadi. Dei 79 dirigenti di altro livello ne sono sopravvissuti appena 10». Numeri, nel frattempo, cambiati ancora. headtopics.com

Gli esperti hanno ipotizzato che il capo si nasconda, cambiando costantemente rifugio, nella zona occidentale della grande provincia dell’Anbar, in Iraq. Altri avevano pensato fosse insieme ai suoi – finché è durata la resistenza – nell’enclave di Hajin, in Siria. E poi molte altre località, anche più a sud. Si rivede il «film» di bin Laden: c’era chi sospettava fosse in una città popolosa, in campagna, in una casa sicura, persino a bordo di una nave. Alla fine, quando ormai sembrava una ricerca senza esiti, hanno chiuso il conto. Il suo predecessore, Al Zarkawi, è sempre stato prudente, evitando di farsi vedere. Il 25 aprile del 2006 — sottolinea il ricercatore Cole Bunzel — è apparso in un video con una «scenografia» che ricorda quello di al Baghdadi di lunedì. Sei settimane dopo era un uomo morto, ucciso da una bomba di un caccia.

30 aprile 2019 (modifica il 30 aprile 2019 | 09:28) Leggi di più: Corriere della Sera »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Un missile al culo e festa finita

Nuovo video dell'Isis in cui compare al-Baghdadi - MondoSite, è la prima volta dal sermone nella moschea di Mosul nel 2014 (ANSA)

Terrorismo, 'Al Baghdadi appare in un video: Sri Lanka vendetta per Baghuz' - Il Fatto QuotidianoL’organo di propaganda video dell’Isis ha pubblicato un nuovo filmato in cui compare quello che sembra essere il leader del sedicente Stato islamico Abu Bakr al-Baghdadi. È la prima volta, dal celebre sermone nella Grande Moschea di Mosul nel 2014, che il terrorista compare in video. Lo riferisce Site, il sito che monitora il jihadismo sul … Ancora vivo? Bello in carne non se l’è passata male mentre i polli morivano come petardi.... bello nascosto, al sicuro, manda a morire gli altri...mi ricorda un certo salame tornato ultimamente di moda Ma gli americani lo hanno ucciso già tre volte, sarà il suo spirito.

Usa, il segretario al Tesoro nega al Congresso la dichiarazione dei redditi di TrumpSteven Mnuchin deciderà entro il 6 maggio se renderla pubblica: 'Ci sono questioni costituzionali e di privacy'

25 aprile al Quadraro, nel nido di vespe medaglia d'oro al Valor Civile - Lifestyle25aprile Liberazione, al Quadraro a Roma, nel covo partigiano per i tedeschi 'nido di vespe' ANSA ' so der quadraro e ce so fà'!

Giulio, il velista generoso «amico al bar» di Paoli: «Dava del tu al mare»Era uno di quei «Quattro amici al bar» protagonisti della canzone di Gino Paoli. Il bar è il «Caffè Porto Franco» di cui proprio Giulio Frezza, Paoli, gli architetti Giorgio e Ottavio Celadon avevano comprato la licenza negli anni Settanta

Serie A. Tris Champions della Roma al Cagliari, giallorossi ora al quarto postoFiammata in apertura della squadra di Ranieri, che passa al 5' con Fazio e all'8' con Pastore. Ci sono anche una traversa e un palo prima del tris di Kolarov all'86'. Milan e Atalanta sono a -2

Spagna al voto: buona l'affluenza, alle 14 è +4,5% rispetto al 2016 - EuropaSpagna al voto: buona l'affluenza, alle 14 è +4,5% rispetto al 2016 ANSA Nella pagina home scrivete ...socialisti in testa... siete preveggenti,? Voi sareste agenzia stampa? Puttane dell' informazione!!! Al presidente sinistro Anselmi i augurio di godersi presto la pensione. Mortacci vostra

Nuovo video Isis in cui compare al-Baghdadi: 'Attaccare Francia e alleati in Mali e Burkina Faso'In un filmato di oltre 18 minuti il leader del sedicente stato islamico fa riferimenti all'attualità parlando con tre uomini a volto coperto e macaron ha già i gilet gialli che lo odiano, ora anche l'isis Va arrestato o consegnato alla giustizia Fenomeni, questo non contava un cazzo prima figurati adesso.

Baby gang a Taranto, il video dell’aggressione al 66enne finito nelle chat dei cellulariIl filmato che è circolato sulle chat dei ragazzi autori delle violenze, pubblicato sul sito de «La Voce di Manduria.it» Ma questi “ragazzini” (mostri) che genitori hanno?! Che educazione hanno dato a queste bestie?! Questi che hanno bullizzato sopprimendo i DIRITTI di un uomo fino ad ucciderlo avranno secondo il ns ordinamento DIRITTO a un difensore. MI AUGURO CHE NN CI SIA NESSUN DIFENSORE A DIFENDERE I LORO ' DIRITTI ' A INDIFENDIBILI MEGLIO UNA GIUSTIZIA SPICCIA GALERA E BUTTARE LA CHIAVE Tutti sapevano e ci sono persino le denunce

Psg, Neymar: pugno in faccia al tifoso che lo insulta - Video Gazzetta.itL'episodio sulla scaletta che portava alla tribuna d'onore, dopo la sconfitta del Psg ai rigori nella finale di Coppa di Francia contro il Rennes. Il tifoso insulta tutti i giocatori del Psg che passano davanti a lui: Buffon, Kurzawa, Verratti vanno via senza dargli peso. Neymar, invece, reagisce Eu dava lhe igual a este otário

Milano, scontri al corteo tra l’estrema destra e le forze dell’ordine Diretta videoDurante la manifestazione (non autorizzata) delle varie anime dell’estrema destra in ricordo di Sergio Ramelli. Un migliaio di presenti No mi cade un mito.... Rompetegli le ossa!!