Agricoltura, quest’estate mancherà la manodopera: «Servono almeno 250 mila stagionali» - VanityFair.it

L’allarme di Confagricoltura: «Con il blocco della circolazione non sarà facile reperire forza lavoro». Giorgio Gori chiede un decreto flussi

02/04/2020 09.00.00

L’allarme di Confagricoltura: «Con il blocco della circolazione non sarà facile reperire forza lavoro». Giorgio Gori chiede un decreto flussi

L’allarme di Confagricoltura: «Con il blocco della circolazione non sarà facile reperire forza lavoro». Giorgio Gori chiede un decreto flussi

il 36% del totale, la maggior parte dei quali romeni. Quest’anno non arriveranno», ha scritto su Twitter, il sindaco di Bergamo Giorgio Gori. «Servono almeno 200 mila lavoratori extracomunitari.Serve subito un decreto flussi».Anche Confagricoltura lancia l’allarme della mancanza di manodopera nelle campagne: «Con il blocco della circolazione, le quarantene e le persone con problemi di salute e quelle che se ne sono andate non è facile reperire forza lavoro», afferma il presidente Massimiliano Giansanti.

George Floyd, 'omicidio volontario' per gli agenti. Scontro Trump-Esper - Nord America Renzi propone il condono sui soldi in nero: 'Voluntary disclosure sul contante. Chi lo tira fuori paga tassa del 15% e non viene perseguito' - Il Fatto Quotidiano Roma, ordine di sgombero per il quartier generale di Casapound. La viceministra Castelli: “Si ristabilisce la legalità”

«Siamo in un momento cruciale:si avvicina in maniera preoccupante la stagione della raccoltadegli ortaggi e della frutta estiva. Servono almeno 250 mila persone. Per questo abbiamo scritto ai ministri delle Politiche agricole Teresa Bellanova e del Lavoro Nunzia Catalfo per sollecitare strumenti governativi che facilitino il ricorso a manodopera italiana, come i voucher, o che diano la possibilità di impiegare persone che hanno perso il lavoro, cassintegrati o fruitori del reddito di cittadinanza. Sempre nel rispetto delle condizioni sanitarie ottimali».

E ancora: «Molti operatori stagionali hanno fatto rientro nei loro Paesi d’origine a causa del virus ed altri che sono disponibili a venire – anche perché in possesso di contratti già firmati con le aziende – non riescono ad arrivare perché trovano difficoltà ad attraversare determinati Paesi. Da qui la nostra

richiesta all’Unione europea di creare una sorta di “corridoi”per permettere lamobilità all’interno della Uedi questi lavoratori. Anche perché il problema non riguarda solo l’Italia, ma tutti i Paesi agricoli europei. Si stima che in tutto servano almeno 700 mila persone. Infine, bisogna avviare in tempi rapidi l’iter per la definizione di un nuovo decreto flussi che consenta al settore agricolo di impiegare lavoratori non comunitari».

Anche secondo Coldiretti, «con la chiusura delle frontierenell’Unione Europea manca quasi un milione di lavoratoriagricoli stagionali per le imminenti campagne di raccolta nelle campagne dei principali Paesi agricoli: dalla Germania alla Francia, dalla Spagna all’Italia è allarme con l’Unione Europea che rischia di perdere quest’anno l’autosufficienza alimentare e il suo ruolo di principale esportatore mondiale di alimenti per un valore di 138 miliardi di euro con un surplus commerciale nell’agroalimentare di 22 miliardi».

In base alle elaborazioni Coldiretti (che ha collaborato alDossier statistico Immigrazione 2019), «la comunità di lavoratori agricoli più presente in Italia è quella romena con 107591 occupati, davanti a marocchini con 35013 e indiani con 34043, che precedono albanesi (32264), senegalesi (14165), polacchi (13134), tunisini (13106), bulgari (11261), macedoni (10428) e pakistani (10272).

Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Tirate fuori dalle tane tutti gli imbucati e tutti i migranti che sono già in Italia, sono migliaia e migliaia, Gori basta hai fatto abbasta danni e soprattutto morti

Paolo Antonio Ascierto: «Non abbandoniamo la ricerca, è la nostra arma migliore» - VanityFair.itLa sperimentazione con il Tocilizumab sui malati di coronavirus, di cui lui è stato uno dei fautori, sta dando risultati incoraggianti, ma certezze ancora non ce ne sono. Di certo però il medico napoletano sa che la ricerca va potenziata: «È il migliore investimento che possiamo fare per i nostri figli»

La vita dopo il coronavirus con la mascherina e lavandoci sempre le mani - VanityFair.itL'uscita sarà graduale con precauzioni. Le previsioni vedono in calo i grandi centri commerciali e ancora in crescita la consegna a domicilio, sempre con la mascherina

Hailie, la figlia di Eminem: tra social, fidanzato e laurea («l’orgoglio» di papà) - VanityFair.itLa ragazza, classe 1995, vola su Instagram con i suoi due milioni di follower. Nel frattempo è diventata dottoressa in psicologia e porta avanti una bella relazione d’amore: «L’unica donna che adoro», dice il rapper

Coronavirus: con la quarantena gli animali tornano in città - VanityFair.itUna nuotata romantica alla Fontana dell'Acqua Paola a Roma, per due germani reali. «Vieni, ti porto alla spa», avrà detto lui per conquistarla. Ma non sono gli unici incontri nel mondo in quarantena, che torna ad essere di tutti gli animali, non solo degli uomini Serfdom was the status of many peasants under feudalism, specifically relating to manorialism, and similar systems. It was a condition of debt bondage and indentured servitude, which developed during the Late Antiquity and Early Middle Ages in Europe and lasted in some countries È un disastro specialmente i cinghiali infetteranno anche i loro simili come ha detto la dr.ssa Capua con la peste suina he già gira tra di loro Attenzione!

La «bontà» del vino italiano: una raccolta fondi lanciata da Milano Wine week - VanityFair.itLa più grande manifestazione vitivinicola milanese lancia una campagna fondi per sostenere gli ospedali di Bergamo e chiama a raccolta il mondo del vino per ricostruire il futuro

Coronavirus: pazienti con sintomi lievi ancora infettivi 8 giorni dopo la guarigione - VanityFair.itUno studio cinese ha messo in luce che la metà dei pazienti affetti da Covid-19 continuano a essere ancora contagiosi per giorni dopo la scomparsa dei sintomi