Istat, Edison, Unione Europea (Ue), Fortis Marco, Agricoltura, Produzione

Istat, Edison

Agricoltura made in Italy sul podio in Europa

Agricoltura made in Italy sul podio in Europa

26/04/2019 21.55.00

Agricoltura made in Italy sul podio in Europa

Negli ultimi anni è avvenuta una significativa modernizzazione del nostro Paese sotto il profilo della sua specializzazione produttiva

L’Italia si è rafforzata in centinaia di nicchie ad alta tecnologia nella meccanica, nei mezzi di trasporto e nella farmaceutica; si è imposta ai vertici mondiali nei prodotti alimentari trasformati e nei vini.Ma anche l’agricoltura si è profondamente rinnovata; è cresciuta e ha saputo valorizzare in particolar modo le produzioni vegetali di più alto pregio, che hanno permesso all’Italia di diventare il primo Paese agricolo del Vecchio continente. Infatti, nel periodo 2008-2018, l’Italia ha conquistato abbastanza stabilmente la leadership di settore a livello dell’Unione europea in quanto ha sempre superato la rivale Francia, anche se a volte di stretta misura, con la sola esclusione degli anni difficili 2010 e 2011. Ciò è avvenuto anche lo scorso anno, in cui il valore aggiunto dell’agricoltura italiana è stato stimato da Eurostat pari a 32,2 miliardi di euro: un dato che permette al nostro Paese di mantenere il primo posto tra i Paesi della Ue, davanti alla Francia (32,1 miliardi), alla Spagna (30,2 miliardi) e alla Germania (16,8 miliardi).

Eriksen si accascia: è a terra privo di sensi, compagni in lacrime. Diversi massaggi cardiaci Euro 2020, malore per Eriksen durante Danimarca-Finlandia Euro2020, la commovente staffetta di cori dei tifosi danesi e finlandesi per Eriksen

In Italia viene generato quasi un quinto del valore aggiunto dell’intero sistema agricolo della Ue: infatti, su un totale stimato pari a 182,3 miliardi nel 2018, l’Italia contribuisce per il 17,7%, mentre la Francia per il 17,6%, la Spagna per il 16,6% e la Germania per il 9,2%. È importante considerare che il valore aggiunto agricolo detenuto dal nostro Paese origina da produzioni importanti per quantità e qualità, con un sostegno relativamente limitato di sussidi. L’agricoltura italiana, infatti, risulta essere la meno sussidiata tra quelle dei principali Paesi europei sia in termini assoluti sia in termini relativi in rapporto al valore aggiunto, come rilevato dall’Istat.

A quest’ultimo riguardo va sottolineato che i contributi alla produzione a beneficio del settore agricolo ammontano nell’intera Ue a un totale di circa 51 miliardi nel 2017. Considerando i valori assoluti, nella classifica dei Paesi che ricevono i maggiori contributi all’agricoltura (sia nazionali sia europei) compare al primo posto la Francia con 8,2 miliardi, seguita dalla Germania con 6,7 miliardi e dalla Spagna con 5,7 miliardi. Per la nostra agricoltura i contributi alla produzione ammontano a 5,0 miliardi. Dunque, tra i maggiori Paesi produttori agricoli Ue il rapporto tra contributi alla produzione e valore aggiunto è per l’Italia il più basso. Tale rapporto, infatti, corrisponde nel 2017 al 33,1% in Germania, al 27,9% in Francia, al 20,4% in Spagna e solo al 15,8% in Italia, a fronte di una media della Ue pari al 27,6%. headtopics.com

L’agricoltura italiana vanta numerose produzioni di eccellenza nel settore vegetale e animale. In particolare, le produzioni vegetali Made in Italy legate alla dieta mediterranea e italiana - tra cui quelle di verdure, ortaggi, frutta e cereali - rivestono un ruolo di grande rilievo non solo nel settore agricolo nazionale, ma anche europeo e talvolta perfino mondiale, come nel caso dei carciofi o dei finocchi. Nella cinaricoltura, ad esempio, l’Italia è ai vertici mondiali per produzione grazie al contributo di regioni come la Puglia, la Sicilia, la Sardegna, la Campania, il Lazio ma anche Liguria, Toscana, Veneto. Gli italiani vantano anche il più alto consumo mondiale pro capite di carciofi.

Da una analisi realizzata dalla Fondazione Edison sui principali prodotti agricoli vegetali emerge che l’Italia si pone in ben 41 casi tra i tre principali produttori dell’Unione europea, nel quadro di una accesa competizione soprattutto con Spagna e Francia (dati Eurostat riferiti all’anno 2017). Nel dettaglio: l’Italia è il primo produttore Ue in 17 produzioni agricole vegetali, il secondo in 16 e il terzo in altre 8.

Anticipiamo qui alcuni dati dello studio della Fondazione Edison, che sarà diffuso nella seconda metà di maggio. L’Italia è il primo produttore Ue di molte verdure e ortaggi tipici della dieta mediterranea e italiana come pomodori, melanzane, carciofi, cicoria fresca, indivie, sedano e finocchi. E anche per quanto riguarda la frutta l’Italia primeggia in molte produzioni importanti: dalle mele e pere fresche alle ciliegie, dalle albicocche alle uve da tavola e da vino, dai kiwi alle nocciole. Il nostro Paese è inoltre il primo produttore Ue di grano duro e riso.

L’Italia risulta poi il secondo produttore dell’Unione europea di lattughe, cavolfiori e broccoli, spinaci, zucchine, aglio, ceci, lenticchie e altri legumi freschi. È altresì seconda per la produzione di pesche, nettarine, meloni, limoni, arance, clementine, fragole (coltivate in serra), olive da olio, mandorle e castagne. Infine, l’Italia detiene il terzo posto in Europa per quanto riguarda asparagi, ravanelli, peperoni e peperoncini, fagioli freschi, angurie, fichi, prugne e olive da tavola. headtopics.com

Il doppio livello di Matteo Salvini: il sostegno al premier e le accuse in stile No vax Euro 2020, Danimarca-Finlandia finisce 0-1. Belgio-Russia 3-0 'La prof ha dato dello scimpanzé a mio figlio. Altri casi, ma la preside non ha mai fatto nulla' Leggi di più: IlSole24ORE »

Brusca torna libero, tra gli artefici della strage di Capaci - Sicilia

Fuori con 45 giorni di anticipo. Sciolse nell'acido il piccolo Di Matteo (ANSA)

Blockchain e big data, così possono cambiare cibo e vino made in ItalyNel futuro dell’agroalimentare non c’è solo la blockchain ma anche un ricorso sempre più diffuso e sistematico ai Big Data. «Sono le “due B” che possono segnare una nuova fase di sviluppo per il food & wine made in Italy, dice Mauro Rosati, direttore della Fondazione Qualivita Speriamo di no

Made in Italy: da Kiribati alla Germania, tutte le rotte dell’export da recordKiribati e Pitcairn sono puntini sperduti nel nulla dell’Oceano Pacifico: Verso Kiribati l’export italiano nel 2018 ha compiuto un balzo del 3.558%, grazie alla vendita di latticini; le esportazioni verso Pitcairn sono cresciute del 1.614%% grazie a macchinari per cave e miniere. Ma l’export della manifattura italiana nel 2018 significa anche 55 miliardi in Germania, 11 in più rispetto al periodo pre-crisi e 444 miliardi: record assoluto. Note stonate e in controtendenza da Cina e Russia

Al via la prima puntata di The Voice of Italy 2019 - Cultura & SpettacoliAl via la prima puntata di TheVoice of Italy 2019 - LE FOTO TheVoice2019

Un kit di sementi made in Italy per sopravvivere alla BrexitPaolo Arrigo, proprietario della Franchi Seeds di Londra, ha lanciato l’idea di coltivare in proprio le verdure per evitare la corsa al cibo in caso di no deal

Sandro Ferrone, da Roma al mondo una storia di fast fashion «made in Italy»L’imprenditore, che a 83 anni guida la sua azienda, racconta gli esordi e come ha costruito un marchio con ambizioni internazionali (e da 40 milioni) partendo dal pronto moda degli anni 60. E da una vestaglietta indossata da Sophia Loren

Perotti: “Ora per la nautica made in Italy serve la pace”Appello del presidente di Sanlorenzo alla vigilia del voto per i vertici di Ucina. Edorsement su Cecchi e Balducci. “Sarebbero gli uomini giusti per traghettarci alla riunificazione con Nautica Italiana”. L’ipotesi di una nuova associazione. “Possiamo cambiare nome”

“Non ci sono più orafi”. L’industria del gioiello in cerca di mano d’operaPer formare gli artigiani del settore, le maison del lusso investono negli istituti di specializzazione. Malgrado la crisi cresce la richiesta di made in Italy. “Il marchio attrae l’ 80% di clienti nel mondo” Voi grossi gruppi del lusso avete strozzato per decenni i piccoli artigiani che erano creatori ed esecutori dei vostri pezzi, allontanando da questo mestiere i giovani. Ora con lacrime di coccodrillo vi trovate senza manodopera, ma i giovani oggi vanno a fare gli chef o i barman

Energia dalle onde del mare: da Eni a Fincantieri, da Terna a Cdp, made in Italy in campoAccordo tra i quattro gruppi per lo sviluppo di impianti di produzione di energia da moto ondoso su scala industriale Finalmente parliamo di nuove attività nuove tecnologie e tanta innovazione. Forza ragazzi fatevi coraggio e fate un bel sorriso che non guasta.

Cina, Conte al forum sulla nuova Via della Seta: 'No a iniziative predatorie nel 5G. Cina apra al Made in Italy' - Il Fatto Quotidiano“Siamo stati molto determinati nel condurre” l’iniziativa del memorandum sulla nuova Via della Seta “perché pensiamo sia importante cogliere queste opportunità”. Con queste parole il capo del governo italiano, Giuseppe Conte, ha inaugurato la sua visita in Cina al secondo forum sulla nuova Via della Seta iniziato il 25 aprile, a Pechino. L’incontro sulla Belt and Road Initiative – il … L'Italia sprofonda, le tasse aumentano, la disoccupazione cresce, ma voi del Fatto mi raccomando : continuate a narrare le grandi gesta del Governo del Cambiamento e del suo Inutile Premier, che altrimenti Casaleggio vi sgrida. Emilio Fede svetta su di voi. a proteggere i nostri dati i governi non mi sembra che si preocupano piu di tanto per i comunicazioni militari quelli sono sempre al avanguardia secondo me quello che preocupa i governi del 5G é solo non poter piu intercettarci

Blockchain e big data, così possono cambiare cibo e vino made in ItalyNel futuro dell’agroalimentare non c’è solo la blockchain ma anche un ricorso sempre più diffuso e sistematico ai Big Data. «Sono le “due B” che possono segnare una nuova fase di sviluppo per il food & wine made in Italy, dice Mauro Rosati, direttore della Fondazione Qualivita Speriamo di no

Made in Italy: da Kiribati alla Germania, tutte le rotte dell’export da recordKiribati e Pitcairn sono puntini sperduti nel nulla dell’Oceano Pacifico: Verso Kiribati l’export italiano nel 2018 ha compiuto un balzo del 3.558%, grazie alla vendita di latticini; le esportazioni verso Pitcairn sono cresciute del 1.614%% grazie a macchinari per cave e miniere. Ma l’export della manifattura italiana nel 2018 significa anche 55 miliardi in Germania, 11 in più rispetto al periodo pre-crisi e 444 miliardi: record assoluto. Note stonate e in controtendenza da Cina e Russia