Addio a Roberto Gervaso, lo scrittore col papillon protagonista della grande divulgazione storica

Aveva 82 anni, autore in particolare di biografie di celebri personaggi. Era noto anche per i suoi aforismi

02/06/2020 20.35.00

Aveva 82 anni, autore in particolare di biografie di celebri personaggi. Era noto anche per i suoi aforismi.

Aveva 82 anni, autore in particolare di biografie di celebri personaggi. Era noto anche per i suoi aforismi

19:06MILANO. Lo scrittore e giornalista Roberto Gervaso è morto, dopo una malattia, all'età di 82 anni in ospedale a Milano. Autore di successo di numerosi libri, in particolare biografie di celebri personaggi, è stato protagonista della grande divulgazione storica in Italia. Lascia la moglie Vittoria e la figlia Veronica. Giornalista del Tg5, è stato anche un personaggio della tv, dove appariva sempre con il suo immancabile papillon ed è noto per i suoi aforismi.

Gli azzurri hanno deciso: mai più divisi, tutti inginocchiati o tutti in piedi. Giovedì la scelta Billionaire, le carte dell'inchiesta sul focolaio Covid: mascherine vietate, sintomi e contagi ignorati. Mentre Briatore (non indagato) attaccava i virologi e il sindaco 'grillino' - Il Fatto Quotidiano Gabriele Paolini in carcere: la condanna definitiva a 8 anni da scontare nella casa circondariale di Rieti

Gervaso è nato a Roma il 9 luglio 1937. Ha studiato in Italia e negli Stati Uniti e si è laureato in lettere moderne, con una tesi sul filosofo Tommaso Campanella. Ha collaborato a quotidiani e periodici, alla radio e alla televisione, e per decenni si è dedicato alla divulgazione storica, sua grande passione, come testimoniano decine di libri pubblicati da Rizzoli, Bompiani e Mondadori.

Inizia l'attività giornalistica nel 1960 alCorriere della Sera, presentato da Montanelli. Tra il 1965 e il 1970 firma, insieme a Montanelli, i primi sei volumi della «Storia d'Italia» edita da Rizzoli, acquisendo grande notorietà. E' Gervaso che cura – con dettagliata precisione – la scansione cronologica dell'Italia dai secoli bui del Medioevo a quella del Settecento illuminista e riformatore. Nel 1967, per uno di quei volumi, «L'Italia dei Comuni. Il Medio Evo dal 1000 al 1250»", Gervaso e Montanelli vinceranno il Premio Bancarella. Gervaso è poi tornato a vincere da solo il suo secondo Bancarella nel 1973 con la biografia «Cagliostro» (Rizzoli; nuova edizione con il titolo «Il grande mago. Vita, morte e miracoli del conte di Cagliostro», Rizzoli, 2002). headtopics.com

Dopo lo straordinario successo di vendite di «Cagliostro», Gervaso ha pubblicato altre sei biografie storiche da Nerone a Casanova, dai Borgia a Claretta Petacci, tutti volumi usciti tra gli anni '70 e '80 da Rizzoli. Ha scritto anche «La monaca di Monza. Venere in convento» (Bompiani, 1984). Con «La bella Rosina. Amore e ragion di Stato in Casa Savoia» (Bompiani, 1991) ha fatto conoscere a un vasto pubblico Rosa Vercellana, l'amante e in seguito la moglie morganatica del re d'Italia Vittorio Emanuele II di Savoia. Nella sua vasta bibliografia di oltre 60 titoli, C’è un grande giallo storico, «Scandalo a corte»; due raccolte di grandi storie d'amore, «Appassionate» e «Amanti»; sei raccolte d'interviste; una raccolta d'interviste immaginarie, tre raccolte di aforismi; un volume di confessioni, uno di galateo erotico, uno sui sentimenti.

Tra i suoi libri più recenti: «Italiani pecore anarchiche» (2003), «Qualcosa non va» (2004), «Ve li racconto io» (2006) e «Io la penso così» (2009). Le sue opere sono tradotte negli Stati Uniti, in Canada, in America Latina, Spagna, Portogallo, Gran Bretagna, Francia, Germania, Giappone, Bulgaria, Polonia, Romania. Gervaso è stato tra i primi commentatori della nascente tv commerciale di Silvio Berlusconi, dove il pubblico imparò subito a conoscerlo per il papillon che indossa quotidianamente e per l'eloquio brillante e pungente. A partire dal 1996 ha condotto il programma «Peste e Corna», andato in onda dal lunedì al venerdì su Retequattro, fino al 1999, con share del 10-15% (dal 2000 al 2005 è diventata la rubrica «Peste e corna... e gocce di storia»).

©RIPRODUZIONE RISERVATAI perché dei nostri lettori“Perché ritengo il giornale valido con articoli interessanti, redatti da validi giornalisti ed opinionisti. Non ultimo, nonostante sia lontano, sono rimasto attaccato alla mia città, Torino. La possibilità di leggere il giornale online, puntualmente, è per me un vantaggio.

RobertoI perché dei nostri lettori“La Stampa è autorevole, lineare, ed essenziale. Senza fronzoli. E’ locale e globale. Copre spesso temi e aree geografiche lontane dalle luci della ribalta.Matteo, MantovaI perché dei nostri lettori“Sento il bisogno di avere headtopics.com

Ddl Zan, Draghi : 'Il nostro è uno Stato laico, il parlamento è libero' Paris Fashion Week 2021, le novità più interessanti della moda uomo Sara Napolitano, un’ingegnera contro le malattie rare

notizie affidabilie controllate sia a livello nazionale che locali. I commenti degli editorialisti sonopreziosi, aiutano a leggere tra le righe i fatti.Angelo, (TO)I perché dei nostri lettori“Nel 1956 avevo 5 anni e guardavo le foto (le figure) della Stampa che mio padre acquistava ogni giorno. Ho mantenuto l’abitudine paterna, ed in questo periodo, mi è arrivato, da mia figlia,

un abbonamento digitale: la ringraziai dicendole che quel cibo per la mia mente, valeva molto di più di una torta di compleanno.Ezio, Pocapaglia (CN)I perché dei nostri lettori“Perchè è comodissimo: a disposizione ovunque si sia, disponibile già di notte e a minor costo; ora anche email d'aggiornamento lungo la giornata: cosa si può chiedere di più?

Leggi di più: La Stampa »

Siparietto Draghi-Casellati: 'Forse la presidente mi ha tolto parola' - Italia

Lei: 'Non mi permetterei' (ANSA)

Eri un grande....mi dispiace. Daniele A R.I.P. Mi dispiace....😪

Addio a Christo, maestro della Land Art - VanityFair.itAll'età di 84 anni, è morto per cause naturali nella sua casa di New York l’artista Christo Vladimirov Javacheff. Nato nel 1935 in Bulgaria, nel 2016 era stato l'artefice dell’opera The Floating Piers nelle acque del Lago d’Iseo

Addio a Paolo Fabbri, pioniere della semioticaÈ morto all’età di 81 anni dopo una lunga malattia. Ha insegnato in molte università per mezzo secolo. Umberto Eco lo trasformò in un personaggio de 'Il nome della rosa' Chi lo diceva che la semiotica è la scienza del nulla?

Addio a Tinin Mantegazza, autore di Dodò. Aveva 89 anniLeggi su Sky TG24 l'articolo Addio a Tinin Mantegazza, autore di Dodò. Aveva 89 anni Rip Noooooooooooooooooooooooooooooo 😭😢

Addio all’artista Christo, sognatore dell’impossibile“Ha vissuto la sua vita nel modo più pieno” R.I.P. Nooo, avrei voluto farmi un giro su una sua installazione 🙏 Rest in peace...

Addio a Christo, l'artista visionario - iO DonnaSi è spento a 84 anni l'artista bulgaro che ci ha permesso di camminare sull'acqua

Addio Tinin Mantegazza, papà di Dodo dell’«Albero azzurro»Artista, autore televisivo, scrittore e scenografo, è scomparso a 89 anni a Cesenatico R.P.I