“Manfredi contro i tedeschi. Sordi e le notti da vitellone. E l’incontro con Chaplin” - Il Fatto Quotidiano

Redirecting to full article in 0 second(s)...

Chaplin gli ha tracciato la strada professionale: “Guarda ciò che ti circonda e immagina le vite degli altri”. Gli orrori della guerra hanno segnato la sua esistenza: “A dieci anni un soldato tedesco mi ha sparato: sono vivo perché la pistola si è inceppata”. Con Luigi Zampa ha scoperto la magia del set: “Qualcosa di …