Brasile, due anni dopo il crollo della diga nel Minas Gerais: il videoconfronto

Redirecting to full article in 0 second(s)...

Due anni fa, il 25 gennaio 2019, il crollo di una diga di contenimento di materiale ferroso nello stato brasiliano del Minas Gerais causò più di 250 morti: un fiume di fango e detriti invase l’intera area circostante nella zona di Brumadinho. A due anni di distanza, come dimostra il videoconfronto, rimangono i drammatici segni dell’accaduto: un ponte ancora spezzato in due e strade non riparate. Sono centinaia le miniere in questo stato del sud est del Brasile, e quello della diga di proprietà della società mineraria Vale non è stato l’unico disastro ambientale e umano che negli ultimi anni ha colpito la zona.