Sophia Loren: “Un uomo speciale come le sue note”

Redirecting to full article in 0 second(s)...

Sophia Loren è turbata. Parla con un filo di voce e si capisce subito, anche se al telefono, che prova sincero dolore. È lei stessa che risponde a una sollecitazione esterna, la richiesta di condividere emozioni e ricordi. Così richiama di persona, perché vuole rendere omaggio a Ennio Morricone che non c’è più. Signora Loren, una perdita incolmabile anche per lei? «Posso solo dire che appena appresa la notizia sono stata malissimo. È uno dei giorni più brutti della mia vita. Provo un grandissimo vuoto». Vi conoscevate bene? «Purtroppo no, nel senso che non abbiamo mai avuto modo di stare del tempo insieme. Ma l’ho incontrato spesso negli anni, ho assistito a qualche suo concerto e lui con me è stato sempre estremamente gentile. Rapporti superficiali consumati a una prima di un film ma che davano comunque la misura dell’uomo. Anche per mio figlio Carlo è stato un gran dolore». Suo figlio Carlo che è un musicista. «Sì, lo adorava. Conosce molto bene il lavoro di Morricone e lo ha sempre apprezzato moltissimo». Certo, un collega coglie meglio la profondità del lavoro di una vita spesa a comporre musica. «Morricone aveva la musica che lo rendeva un essere umano speciale. Io lo capisco perché ho vissuto immersa nella musica. Mia madre era una fantastica pianista e mi ha trasmesso la gioia che provava ogni volta che si metteva al pianoforte o che semplicemente ascoltava musica». C’è qualche brano scritto da Morricone che lei ha amato particolarmente? «Mi piacevano tutte le sue musiche, come potrebbe essere altrimenti? Però posso dire che in particolare sentivo più vicine quelle che lui ha composto per i film western. Difficilissimo musicare un western e lui ci riusciva in modo mirabile. Ma in fondo non è solo questo, pensando al western non può non tornarmi alla mente anche Sergio Leone, un grande amico mio. E anche lui non c’è più». I film di Leone, anche quelli indimenticabili, resi ancora più unici dalle musiche del maestro Morricone. «Sa che cosa sto facendo da quando