«14 Peaks»: le imprese (im)possibili dell'alpinista Nirmal Purja

Con il suo «Possible Project» ha scalato tutti i 14 Ottomila della terra in sette mesi, battendo il precedente record di sette anni. Un docufilm racconta le sue imprese

Sport, Sport Estremi

08/12/2021 01.31.00

Con il suo «Possible Project» ha scalato tutti i 14 Ottomila della terra in sette mesi, battendo il precedente record di sette anni. Un docufilm racconta le sue imprese

Con il suo «Possible Project» ha scalato tutti i 14 Ottomila della terra in sette mesi, battendo il precedente record di sette anni. Nirmal Purja sfida i limiti dell'umano e ha fondato la Nimsdai Foundation per liberare le vette dell’Himalaya dai rifiuti. Un docufilm racconta le sue imprese

Nomen omen, un nome un destino, lui c'è riuscito e ha scalato tutti i 14 Ottomila della terra in sette mesi, superando il precedente record di sette anni. E adesso con un film documentario racconta le sue gesta eroiche:14 Peaks: Nothing is impossible

(14 vette: scalate ai limiti del possibile) visibile suNeflix. Ricordandoci che in origine la parola eroe significava semplicemente uomo. Un uomo che credeva nella sua vocazione e la perseguiva con grande coraggio. Proprio come Nirmal, che per questo è un eroe in senso compiuto. Una vetta dopo l'altra, un rigore da soldato, sempre accompagnato dalla squadra di fidati compagni sherpa, meritevoli della stessa fama. Loro che nel gennaio 2021, anche in quell'occasione guidati da Nirmal, hanno toccato per la prima volta nella storia la cima del K2 in invernale.

Nirmal Purja sulla vetta del Manaslu.Nirmal e la sua squadra sulla cima del Dhaulagiri.Il film celebra questo personaggio un po' scomodo ai puristi dell'alpinismo. A cominciare dalla sua decisione di utilizzare l'ossigeno supplementare dagli 8000 metri in su. Ma la benedizione del veterano headtopics.com

I rapper che fanno paura a Milano. Il podcast

Reinhold Messnermette a tacere tutti. Nirmal ha fatto qualcosa che nessuno prima di lui aveva mai tentato e questo basta.A tratti potrebbe sembrare una macchina senza margine d'errore, forgiata da un passato come soldato scelto. Ma tra un Ottomila e l'altro traspare anche molto cuore. Nelle scalate di Nirmal c'è tutto lo spettro delle emozioni umane:

fatica, incertezza, paura, senso di responsabilità, collaborazione, sacrificio, aiuto reciproco a costo di mettere in pericolo la propria vita.E poi c'è il richiamo costante a casa, dove c'è un madre gravemente malata e una moglie che aspettano, sempre con grande rispetto. Perché come per ogni umano, il cuore è sempre dove c'è casa.

Nirmal Purja, Osprey Ambassador.Sulla cima del Nanga Parbat, la settimana vetta conquistata.La fondazione per ripulire le montagna dell'HimalayaNirmal ha chiesto molto alle montagne ed è stato accontentato. E adesso con lanon solo ridà indietro quello che ha ricevuto, ma ne ripara i danni.

Necessario chiarire se il nuovo istituto della 'improcedibilità' si applica anche al processo degli enti ex Dlgs 231/2001

La fondazione, che ha ricevuto il sostegno diOsprey Europe, l'azienda americana specializzata in zaini tecnici da montagna, si impegna a liberare l'Himalaya dai rifiuti lasciati dalle varie spedizioni.Ogni alpinista produce oltre 8 chili di rifiuti, headtopics.com

tra cui tende abbandonate, bombole di ossigeno, contenitori di cibo, attrezzature dismesse e, naturalmente, materie fecali. Le sostanze inquinanti generate da questi rifiuti si riversano nei fiumi in seguito a piogge e disgelo, contaminando le riserve idriche delle popolazioni locali e provocando malattie che costituiscono un serio rischio per la salute. Inoltre, con il progetto

Big Mountain Cleanup,la Nimsdai Foundation vuole rendere le montagne più sicure e porre fine agli incidenti mortali che si verificano quando gli alpinisti si attaccano per sbaglio a corde vecchie, rovinate e abbandonate.Questo autunno Nirmal Purja ha già condotto una squadra di sherpa nepalesi esperti a ripulire la prima cima, quella del Manaslu.

Sanzioni più elevate per chi non invia il prospetto disabili entro il 31 gennaio

«La nostra squadra ha raccolto 500 chili di rifiuti disseminati in questa splendida montagna sacra. Il gruppo, che comprende sette guide d’alta quota e cinque portatori con muli, hanno aiutato a trasportare i rifiuti dal campo base verso Samagua e poi a Kathmandu. Sono molto orgoglioso della squadra, hanno lavorato tutti tantissimo. Grazie a ognuno di voi per aver contribuito alla realizzazione di questo progetto, siete fantastici. Non smetteremo di diffondere il nostro messaggio e di contribuire alla

protezione di questi luoghi meravigliosi. Se potete, aiutateci nell’operazione di pulizia dell’Everest con una donazione sul sito Nimsdaifoundation.org. Ve ne saremmo davvero grati».Nei prossimi due anni la fondazione si occuperà dei rifiuti sull’Everest e sull’Ama Dablam, per poi passare, nel 2023, a ripulire la maestosa Montagna Selvaggia, il headtopics.com

K2. È così che si dimostra di essere dei veri alpinisti.

Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Sacchi: ''Playoff? Ci siamo complicati la vita ma siamo i campioni d'Europa'' - Rai Sport

L'ex ct azzurro: ''Non dimentichiamo quanto di buono abbiamo fatto, dobbiamo pensare positivo'' Leggi di più >>

Quattrocentomila posti vacanti: le aziende non riescono a coprirliIl tasso di posizioni scoperte ha toccato a giugno il massimo (dal 2016) al 2,1% per poi calare lievemente a settembre, le piccole imprese faticano più … togliete il green pomodoro, i giornalisti andrebbero messi in galera. P A G A R E Altra bufala..basta con queste % a caso..in quali settori industriali?quali profili? quali fasce d’età? Primo impiego o no? ricerche dirette delle aziende o tramite ricerche esterne? Quali aree geografiche? Quali contratti Salari e livelli? Tempo det o indet?....bastava!!!

Thyssen, 14 anni fa il rogo. Le famiglie delle vittime: Noi traditiLeggi su Sky TG24 l'articolo Thyssen, 14 anni fa il rogo. Le famiglie delle vittime: Noi traditi UNA INTERA FAMIGLIA CHE HA FATTO AFFARI CON HITLER! MALEFICA

Covid, l'Austria valuta di introdurre multe fino a 600 euro per i 'no vax'Sarebbero esentati dall'obbligo bambini sotto i 14 anni, donne incinte, chi è guarito da meno di 180 giorni e altre persone che non possono essere vaccinate per motivi medici. Le donne che hanno partorito e i ragazzi che compiono 14 anni avrebbero un mese di tempo per ricevere la prima dose

Don Francesco Spagnesi, il «prete pusher», condannato a 3 anni e 8 mesi: sconterà la pena ai servizi socialiIl tribunale di Prato ha accordato il patteggiamento per l'ex sacerdote, arrestato il 14 settembre per spaccio e traffico internazionale di sostanze stupefacenti (la droga dello stupro), truffa e appropriazione indebita

Thyssen: 14 anni dopo vittime ancora senza giustiziaIl racconto del sopravvissuto: in un attimo scoppiò l'inferno

Come vestirsi in inverno: 14 look street style da copiareEcco14 look street style a prova di gelo da copiare subito 😍👇