Travolte da... (in)solita passione per gli accessori di primavera - La Stampa

Redirecting to full article in 0 second(s)...

«Gli accessori sono la punteggiatura dell’abito». Parola di Coco Chanel. Prova a sbagliarli e mandi tutto a pallino. Borse, scarpe, foulard, occhiali, pashmine&co sono tentazioni in continuo divenire. A ogni brezza, a ogni cambio di stagione, mutano, sposano trend diversi. E noi non ne abbiamo mai abbastanza. Difficile sceglierli? No, se si tiene presente una regoletta semplicissima, quella dei contrasti. Tailleur serio uguale borsa e calzature ardite, o viceversa. L’importante è uscire dalla banalità dei coordinati, dei completini, poi il gioco è fatto. Da giovedì sulle pagine de La Stampa vi racconteremo quali saranno le mode del prossimo autunno inverno. Intanto, oggi, vi segnaliamo gli accessori di punta per la primavera estate, adatti ai vari tipi di donna. Cominciamo dalle borse: sono segnaletiche. Tradiscono la personalità di chi le sceglie rivelandone vizi e virtù. Per qualcuna, poi, sono addirittura un efficace mezzo di comunicazione. La Regina Elisabetta, per esempio, usa la borsetta per lanciare messaggi cifrati alle sue dame di compagnia. Se «the queen» la apre e la richiude ripetutamente significa che è stufa. La damigella ha quindi il compito di aiutarla a rendere più piacevole la conversazione con il suo interlocutore. Quando invece, a fine pasto, la appoggia sul tavolo vuol dire: «andiamocene, ne ho abbastanza». Tutto ok se invece la fa dondolare al braccio. Ma Elisabetta, si sà, non segue i trend, anzi. Da anni sceglie sempre lo stesso modello, piccolo e rigido. Tutto il contrario di noi comuni mortali che a ogni piè sospinto desideriamo rivoluzionare il guardaroba con tocchi nuovi. Magari con l’ennesimo paio di calzature che pensiamo ci farà sentire più alte, più belle, più magre...Siamo tutte un po’ Imelda Marcos, almeno nelle intenzioni, bulimiche di scarpe che vorremmo collezionare come francobolli. Che cosa ci frena oltre al portafoglio già sottile come un’acciughina, depauperato dalla spese vive? I trend comportamentali che all’improvviso dive